Alla NUST MISIS ottengono un raddoppio della forza dei compositi in alluminio stampati in 3D grazie ad un metodo avanzato per la produzione di un’allumina a purezza ultraelevata (UHPA)

Gli scienziati di NUST MISIS hanno proposto un metodo avanzato per la produzione di un’allumina a purezza ultraelevata (UHPA) in grado di raddoppiare la forza dei compositi in alluminio stampati 3D e di far avanzare le caratteristiche di questi prodotti alla qualità delle leghe di titanio. I modificatori sviluppati per la stampa 3D possono essere utilizzati in prodotti per l’industria aerospaziale.

Le industrie aerospaziale, marina e medica stanno sfruttando il peso, i tempi e i risparmi di stampa 3D in titanio, alluminio e acciaio. L’alluminio è leggero (densità 2700 kg / m3) e modellabile, con un modulo di elasticità di ~ 70 MPa. Questo è uno dei requisiti principali del settore per un metallo adatto alla stampa 3D; tuttavia l’alluminio da solo non è abbastanza forte o solido: la resistenza alla trazione anche per la lega di duralluminio è di 500 MPa e la sua durezza Brinell HB è di 20 kgf / mm2.

I precursori modificanti sviluppati, basati su nitruri e ossidi di alluminio e ottenuti attraverso la combustione, sono diventati la base del nuovo composito. La ricerca del team NUST MISiS utilizza granuli di alluminio con una purezza del 99,7%. Tramite ossidazione, reazione con alcali, successivo trattamento con acido cloridrico e calcinazione termica a 1450 ° C, la concentrazione totale di impurezze e soprattutto di impurità di ferro è diminuita in UHPA mentre la concentrazione di metalli alcalini (K, Na, Li), al contrario , è stato aumentato.

I ricercatori hanno studiato l’evoluzione della concentrazione delle impurezze dopo il successivo trattamento acido e termico e hanno scoperto che il metodo proposto consentiva la produzione di UHPA con purezza del 99,99% e 99,999% dai pellet con la purezza iniziale dell’alluminio 99,70% e 99,99% rispettivamente.

La forza del titanio è circa sei volte superiore a quella dell’alluminio, quindi questo metodo avanzato produce composito in alluminio stampato 3D un terzo della forza del titanio. I ricercatori hanno dettagliato la tecnologia e pubblicato i risultati nella rivista scientifica Sustainable Materials and Technologies.

“Abbiamo sviluppato una tecnologia per rafforzare i compositi a matrice di alluminio ottenuti dalla stampa 3D e abbiamo ottenuto innovativi modificatori di precursore bruciando polveri di alluminio”, spiega il professor Alexander Gromov del Dipartimento NUST MISIS per metalli non ferrosi e oro. “I prodotti di combustione – nitruri e ossidi di alluminio – sono specificamente preparati per la sinterizzazione di superfici ramificate con nanostrati di transizione formati tra le particelle: sono le speciali proprietà e la struttura della superficie che consente alle particelle di essere saldamente fissate alla matrice di alluminio e, come risultato, [raddoppia] la forza dei materiali compositi ottenuti. ”

Il vantaggio del metodo studiato di produzione UHPA è il suo basso costo e utilità, secondo i ricercatori. Attualmente, il team sta testando i prototipi con l’aiuto della nuova tecnologia.

Be the first to comment on "Alla NUST MISIS ottengono un raddoppio della forza dei compositi in alluminio stampati in 3D grazie ad un metodo avanzato per la produzione di un’allumina a purezza ultraelevata (UHPA)"

Leave a comment