Alek, biostampante 3D personalizzabile

IL ROYAL PRINCE ALFRED HOSPITAL SYDNEY RICEVE IL BIOPRINTER 3D, PERSEGUE STUDI CLINICI PER MICROTIA

Ricercatori dell’Università di Wollongong (UOW), Centro di eccellenza per la scienza degli elettromateriali (ACES) in Australia, hanno sviluppato un bioprinter 3D personalizzabile, 3D Alek, per combattere la deformità dell’orecchio congenito.

Progettato per il trattamento di microtia, 3D Alek è stato installato presso il Royal Prince Alfred Hospital (RPA) di Sydney.

“Il trattamento di questa particolare deformità dell’orecchio è impegnativo perché l’orecchio esterno è una forma 3D estremamente complessa, non solo in lunghezza e larghezza, ma anche in altezza e proiezione dal cranio”, ha spiegato Payal Mukherjee, professore associato presso l’Istituto accademico RPA Chirurgia (IAS).

“È QUI CHE LA BIOPRINTING È UNA STRADA ESTREMAMENTE ECCITANTE, IN QUANTO CONSENTE DI PROGETTARE E PERSONALIZZARE L’INNESTO DI UN ORECCHIO SUL VISO DEL PAZIENTE UTILIZZANDO IL TESSUTO NATURALE DEL PAZIENTE – CON CONSEGUENTE RIDUZIONE DEI TEMPI OPERATIVI E MIGLIORAMENTO DEI RISULTATI ESTETICI – ED EVITA L’ATTUALE COMPLICAZIONE DI RICHIEDE UN SITO DONATORE PER LA CARTILAGINE, DI SOLITO DALLA GABBIA TORACICA DEL PAZIENTE. “

Come condizione genetica, la microtia colpisce i bambini e può causare la perdita dell’udito. Secondo l’ente di beneficenza australiano FutureHear , il disturbo “si verifica in 1 su 6.000 nascite nel mondo” e, come tale, ci sono un certo numero di istituzioni in tutta la nazione che si rivolgono alla stampa 3D per aiutare .

I ricercatori di UOW e ACES, così come l’ Australian National Fabrication Facility (ANFF) hanno creato l’Alek 3D per realizzare strutture che utilizzano bioinks contenenti cellule staminali, che potrebbero aiutare la rigenerazione della cartilagine. Il professor Gordon Wallace , direttore di ACES, spiega: “Siamo stati responsabili dell’approvvigionamento primario dei materiali; la formulazione di bio-inchiostri e la progettazione e fabbricazione di una stampante personalizzata; la progettazione dei protocolli ottimali richiesti per la biologia cellulare; fino all’applicazione clinica finale. “

“Con un 3D Alek ora stabilito in un ambiente clinico presso l’RPA e una replica nel nostro laboratorio di TRICEP, la nostra nuova iniziativa di bioprinting in 3D , saremo in grado di accelerare le prossime fasi della nostra ricerca per fornire una soluzione pratica per risolvere questo sfida clinica. “

Oltre a TRICEP, il professor Wallace ha lavorato in numerosi altri importanti progetti di bioprinting in 3D. Attraverso ACES e UOW, lo scorso anno l’ Università di Sydney Save Sight Institute ha ricevuto $ 1,15 milioni per lo sviluppo commerciale della penna iFix per la correzione della cornea .

In precedenza, l’URI Intelligent Polymer Research Institute (IPRI), anch’esso diretto e fondato dal Professor Wallace, ha utilizzato il bioprinting 3D per riprodurre le cellule cerebrali , in un progetto che studiava condizioni come la schizofrenia, l’epilessia e la depressione.

Avendo provato 3D Alek in un ambiente clinico, il prossimo passo della ricerca di UOW e ACES è di proseguire gli studi clinici e sviluppare la capacità di lavorare con le proprie cellule staminali del paziente.

Be the first to comment on "Alek, biostampante 3D personalizzabile"

Leave a comment