Airwolf 3D EVO

Airwolf 3D rilascia il centro di produzione additiva EVO al CES

Airwolf 3D è stato uno degli innovatori chiave nella produzione di stampanti 3D desktop industriali negli ultimi anni, con una nicchia nel mercato delle macchine che sono in grado di stampare a uno standard commerciale ma sono ancora relativamente compatte e accessibili. L’azienda ha annunciato oggi di aver sviluppato EVO, una macchina così avanzata che preferirebbe etichettarla come un “centro di produzione additivo”.

L’EVO Additive Manufacturing Center è la macchina FDM di quinta generazione di Airwolf 3D, fondata in California nel 2012 da Erick Wolf e sua moglie e socio in affari Eva. L’EVO rappresenta un importante passo avanti rispetto alle precedenti stampanti 3D desktop industriali dell’azienda, come la gamma AXIOM. È dotato di ciò che l’azienda dice è un livello senza precedenti di prestazioni di stampa e affidabilità, con molte caratteristiche che sono le prime del settore.

Due delle caratteristiche più importanti di questo settore sono le funzionalità PartSave e FailSafe. PartSave ha lo scopo di risolvere uno dei problemi più frustranti che devono affrontare gli utenti di stampanti 3D, ovvero il fallimento delle stampe a causa di un’interruzione dell’alimentazione o di una disconnessione accidentale della macchina. Le ore possono essere sprecate quando ciò accade, poiché l’intera stampa deve essere avviata da zero. PartSave, altrimenti noto come Modalità Zombie, consente di riavviare la stampa dal punto in cui era stata interrotta una volta ripristinata la corrente sulla macchina. La funzione FailSafe ha lo scopo di risolvere un problema simile, ovvero l’interruzione dei lavori di stampa a causa di inceppamenti nella bobina del filamento o esaurimento del materiale. Tutto ciò che devi fare con FailSafe è posizionare la testina di stampa all’altezza dell’ultima operazione operativa,

Mantenere le temperature corrette durante la stampa è uno dei fattori chiave che possono influenzare la qualità del prodotto finale e Airwolf 3D ha sviluppato un nuovo sistema di riscaldamento proprietario che dovrebbe garantire sempre i migliori risultati possibili. La tecnologia Tri-Heat di EVO consiste in due riscaldatori interni e un letto ad alta temperatura, che aiutano a mantenere un controllo preciso della temperatura e un flusso d’aria riscaldato attraverso la macchina. Ciò ottimizzerà l’integrità delle parti finite. Il sistema di asciugatura a filamenti integrato di EVO faciliterà ulteriormente le condizioni di stampa ottimali offrendo la capacità di asciugare fino a 10 libbre di materiale di estrusione alla volta, in modo che possa essere utilizzato per l’estrusione immediata o la conservazione a lungo termine.

Sebbene non sia nulla in confronto ad alcune delle enormi macchine della gamma AXIOM, l’EVO ha un volume di costruzione particolarmente ampio che consentirà di eseguire un’ampia gamma di lavori di stampa diversi. Il volume chiuso dell’area di stampa è 12 x 12 x 11 pollici e la piattaforma di costruzione può supportare fino a 50 libbre, il che significa che la macchina è ottimizzata per la produzione di parti grandi e resistenti che potrebbero essere utilizzate in una varietà di settori o applicazioni .

Il centro di produzione additiva EVO ha un design robusto inteso per la massima rigidità e Airwolf 3D afferma che è la macchina più resistente sul mercato. Il telaio unitario è realizzato in alluminio al 100%, il che significa che può vantare questo livello di integrità strutturale pur rimanendo relativamente elegante ed elegante, e senza essere troppo ingombrante o pesante. Il trasporto di EVO dovrebbe essere relativamente semplice e può essere impilato a un massimo di quattro unità per la produzione in serie.

La versatilità della macchina è resa possibile anche grazie alla sua vasta gamma di materiali compatibili. Ci saranno pochissimi progetti o lavori di stampa che l’EVO non è adatta, in quanto può stampare con oltre 40 filamenti diversi, compresi quelli in nylon rinforzato con fibra di carbonio o metallico più esotici e il solubile in acqua leader di mercato di Airwolf 3D. materiale di supporto, HydroFill.

Come la maggior parte delle stampanti 3D desktop di fascia alta presenti sul mercato al giorno d’oggi, l’EVO dispone di un display touch-screen a colori per consentire agli utenti di monitorare la stampa in tempo reale e la macchina dispone di un sistema di autolivellamento e un microcontrollore proprietario. Questa scheda GENESIS di recente sviluppo significa che EVO può apparentemente offrire velocità di stampa fino a 3 volte maggiori e maggiore precisione rispetto a qualsiasi altra stampante 3D desktop attualmente disponibile.

Airwolf 3D sta dimostrando l’EVO al CES 2018 di Las Vegas e la macchina dovrebbe essere in vendita da febbraio 2018. Sarà disponibile inizialmente  circa 6,995 dollari

Be the first to comment on "Airwolf 3D EVO"

Leave a comment