Air New Zealand, Microsoft, Moog e ST Engineering di Singapore, insieme per installare una parte stampata in 3D su un Boeing 777-300ER, un jet commerciale wide-body

IL BOEING 777-300ER DI AIR NEW ZEALAND È DOTATO DI UNA PARTE STAMPATA IN 3D PRIMA DEL VOLO

Accennando al futuro della supply chain nel settore aerospaziale, Carrie Hurihanganui, Chief Ground Operations Officer di Air New Zealand , ha dichiarato: “Essere in grado di stampare in 3D determinati componenti in movimento sarebbe trasformativo e promuoverà significativi vantaggi in termini di efficienza e sostenibilità”.

La tecnologia di stampa 3D ha permesso la produzione di parti direttamente dagli inventari digitali . In questo modo le aziende risparmiano una quantità significativa di entrate che altrimenti vengono spese per lo stoccaggio e la consegna delle parti di ricambio.

Tuttavia, uno dei problemi che rimangono con gli inventari digitali è la protezione della proprietà intellettuale e la condivisione sicura dei file CAD archiviati in un database.

Con l’aiuto del servizio di cloud computing Microsoft Azure, Moog ha sviluppato una piattaforma di sicurezza digitale, VeriPart. La piattaforma di sicurezza utilizza blockchain per proteggere, trasferire e tracciare i file CAD per l’industria aerospaziale.

Utilizzando VeriPart, il file CAD del pezzo di ricambio richiesto è stato inviato a una stampante 3D FDM / FFF a Los Angeles, da cui il Boeing 777-300ER avrebbe dovuto volare. La parte in questione era un piccolo “paraurti” sul retro dello schermo LCD, che blocca lo schermo nella sua posizione dietro il sedile del passeggero.

Hurihanganui ha aggiunto: “Piuttosto che avere i costi associati all’acquisto, alla spedizione e alla memorizzazione di parti fisiche e potenzialmente a dover volare con un sedile non disponibile, questo sistema ci permetterebbe di stampare una parte quando e dove ne abbiamo bisogno in poche ore.”

Standardizzazione della stampa 3D

I produttori di aeromobili commerciali e le compagnie aeree come Emirates hanno visto i vantaggi della stampa 3D come tempi di consegna più rapidi.

Hurihanganui ha commentato: “Il risultato finale della collaborazione apre le porte a un futuro di reti distribuite che inizia con un file di progettazione digitale e termina con una parte fisica. Ciò ridurrà i tempi di consegna e si tradurrà in un minore tempo di fermo per le compagnie aeree “.

Air New Zealand, da parte sua, ha lavorato per rendere la stampa 3D una pratica standard nel settore. L’anno scorso, la compagnia di bandiera della Nuova Zelanda ha collaborato con Zenith Tecnica di Auckland per la stampa 3D di aeratori e vassoi da cocktail . La compagnia aerea è assistita dall’ala aerospaziale del suo partner storico ST Engineering, che converte i tradizionali disegni 2D di parti in modelli 3D per Air New Zealand.

Sulla recente collaborazione tra le quattro società, George Small, CTO di Moog, ha dichiarato: “I nostri sforzi congiunti getteranno le basi per la riprogettazione delle catene di approvvigionamento globali, creando nuove possibilità per i nostri clienti nel mercato aerospaziale e oltre.”

Be the first to comment on "Air New Zealand, Microsoft, Moog e ST Engineering di Singapore, insieme per installare una parte stampata in 3D su un Boeing 777-300ER, un jet commerciale wide-body"

Leave a comment