AIM3D e la nuova tecnologia nella stampante 3d metal ExAM255 a granulati metallici

AIM3D, un’azienda tedesca fondata da un team di ricercatori dell’Università di Rostock, mira a rivoluzionare il mercato della stampa 3D con la sua innovativa tecnologia CEM. La start up è attualmente in fase di sviluppo la ExAM255, una stampante 3D che prende ispirazione dai processi di stampaggio ad iniezione per additivare la produzione sia in metallo che in plastica.

CEM, che sta per ” modellare l’estrusione composita “, è un nuovo processo di stampa 3D che utilizza granulati metallici piuttosto che polveri metalliche per costruire modelli complessi in modo stratificato.

Cioè, piuttosto che utilizzare un laser per sinterizzare un letto di polvere di metallo, il team AIM3D ha elaborato un estrusore (l’estrusore AIM3D CEM E-1) che è in grado di lavorare granulati fino a 3 mm di diametro in quasi tutti i materiali.

Questo è un approccio che abbiamo visto applicato per la stampa 3D a base di plastica (con il CMS Kreator, per esempio), ma potrebbe essere veramente rivoluzionario se potesse anche essere applicato alla produzione di additivi metallici.

Un vantaggio di utilizzare i materiali granulari per la stampa 3D è che sono più economici e più ampiamente disponibili: in gran parte perché i materiali di granulato sono già comuni per i processi di stampaggio ad iniezione.

Mentre la stampa in metallo 3D è di solito rimasta proibita in termini di costi materiali (le polveri metalliche sono ancora considerate da molti troppo costose per la produzione su larga scala) e limitata in termini di quali materiali possono essere utilizzati, l’approccio di AIM3D potrebbe aprire una ricchezza di opportunità per l’industria.

Secondo AIM3D,   il suo sistema di stampa 3D può lavorare in acciaio inox e sta attualmente sviluppando altre leghe e metalli non ferrosi per la stampa 3D.

Come menzionato, il componente chiave della tecnologia CEM è l’estrusore, che si dice sia in grado di elaborare “praticamente qualsiasi granulato ad iniezione fino ad un diametro di 3 mm” e può stampare strati ad un’altezza minima del livello di 20 μm con una precisione di 50 μm.

Inoltre, ExAM255 sarà dotata di un alimentatore automatico che può alimentare fino a un litro di materiale per estrusore, secondo AIM3D che corrisponde a 1,2 kg di ABS o di 4,4 kg di acciaio inossidabile. (L’alimentatore può essere ricaricato durante il processo di stampa.) Il volume di stampa della stampante è di 255 x 255 x 255 mm.

Vale la pena notare che, poiché la tecnologia CEM utilizza un metodo di additivi basati sulla deposizione, il processo richiede l’utilizzo di un materiale legante di plastica, che mantiene gli strati depositati bloccati insieme. Ciò significa che una volta che la stampa è completa, gli utenti sono tenuti a sinterizzarli in un forno speciale.

Questo passaggio efficace brucia via il legante di plastica e lascia una parte finale che ha una densità metallica di circa il 96%. AIM3D dice di aver sviluppato un proprio forno di sinterizzazione che i clienti possono acquistare con la sua stampante 3D, ma aggiunge che i forni industriali possono essere utilizzati a questo scopo.

Nel complesso, la tecnologia di AIM3D è molto promettente in quanto permette sia costi di materiale più bassi che i costi macchina più bassi per la stampa in metallo 3D, perché la stampante 3D non richiede una tecnologia laser  , il suo costo sarà inferiore a quello dei sistemi di sinterizzazione laser.

A quanto pare, non siamo gli unici a pensare che il processo CEM di AIM3D possa essere rivoluzionario , poiché la start up  tedesca è stata premiato con uno dei cinque premi in palio al Formnext Startup Challenge 2017.

La stampante 3D di ExAM255 di AIM3D è ancora in sviluppo, anche se la start up dice che prevede di lanciare presto il suo sistema innovativo sul mercato, forse nel 2018.

Be the first to comment on "AIM3D e la nuova tecnologia nella stampante 3d metal ExAM255 a granulati metallici"

Leave a comment