AI SpaceFactory si aggiudica il secondo posto nella terza fase 3 del concorso Habitat Challenge 3D-Printed della NASA

La fase 1 della Habitat Challenge 3D-Printed della NASA è iniziata nel 2015 e recentemente abbiamo aggiornato i lettori sull’inizio del Concorso Habitat in loco di Fase 3 . C’era una fase virtuale prima della fase di costruzione vera e propria, ma i concorrenti sono ora nelle prove finali della sfida e i loro risultati sono impressionanti. AI SpaceFactory è uno dei partecipanti e il loro prototipo di habitat è stato stampato in 3D con un “polimero marziano” che può essere realizzato con materiali già presenti o provenienti da piante coltivate sul Pianeta Rosso.

L’azienda di architettura e tecnologia con sede a New York ha ricevuto un premio di $ 88,353 dopo che il loro habitat autonomo in scala ridotta denominato MARSHA è stato selezionato dalla NASA come uno dei cinque finalisti della competizione. A differenza di altri sfidanti che hanno utilizzato materiali a base di cemento, AI SpaceFactory ha formulato il loro polimero di acido polilattico (PLA) rinforzato con fibra di basalto in base a ciò che sarebbe disponibile su Marte. Avevano il loro materiale convalidato da un laboratorio di terze parti ed è stato “dimostrato di sovraperformare il calcestruzzo in ogni modo importante: resistenza alla trazione e alla compressione superiore, estrema durata nei cicli di congelamento-scongelamento e duttilità migliorata. Il polimero fornisce anche un superiore assorbimento della radiazione cosmica e resistenza termica (isolamento) e può essere fatto senza acqua “, secondo il loro comunicato stampa.

Il team ha utilizzato l’utilizzo delle risorse in sito (ISRU) per risolvere il problema dell’equazione del razzo: ogni dieci libbre di razzo (o carico) richiede 90 libbre di propellente. Più materiali marziani possono essere utilizzati per gli habitat di stampa 3D, minore è il carburante necessario per arrivarci, il che consente di risparmiare un sacco di soldi.

Agli sfidanti è stato chiesto di costruire autonomamente un bacino di stoccaggio dell’acqua e AI SpaceFactory ha guadagnato il secondo posto in base a resistenza, resistenza all’impatto e durata a temperature estreme. Il bacino doveva essere stampato in 3D su una superficie rocciosa e includere una valvola prefabbricata che penetra nel muro del bacino; anche la valvola doveva essere inserita autonomamente tramite un braccio robotico. I bacini sono stati anche sottoposti a test idrostatici e di tenuta. Con i viaggi spaziali, la posta in gioco è alta, quindi i requisiti della competizione sono ugualmente rigorosi. Come tale, il primo premio è $ 500.000. Inutile dire che il team di AI SpaceFactory è ben motivato a dimostrare la fattibilità degli habitat di stampa 3D su Marte.

Il bacino da 1.200 galloni di AI SpaceFactory è stato stampato in 3D in sole 24 ore, il che è incredibilmente veloce secondo gli standard di stampa 3D, ma una quantità significativa di tempo considerando che gli habitat prototipo finali saranno stampati in 3D davanti ad un pubblico dal vivo in aprile. Spero che portino sacchi a pelo.

Be the first to comment on "AI SpaceFactory si aggiudica il secondo posto nella terza fase 3 del concorso Habitat Challenge 3D-Printed della NASA"

Leave a comment