Aerosint e InfraTrac estendono l’etichettatura dei prodotti chimici in parti stampate in 3D con fusione a letto di polvere


Non riesco a pensare a una singola persona a cui piace ricevere il promemoria automatico che è ora di cambiare la password, che include le molte istruzioni su cosa non fa e non fa una buona scelta – lettere maiuscole, numeri, spazi e niente spazi , nessuna ripetizione, ecc. ecc. Ma è un male necessario se vogliamo mantenere i nostri dati al sicuro, motivo per cui molte aziende e persino app hanno fatto questa procedura standard per i promemoria. Quindi, perché non stiamo facendo lo stesso quando si tratta dei nostri prodotti stampati in 3D ?

Ci sono molte opzioni per rendere le nostre stampe sicure e facili da autenticare , come codici QR , filigrane , numeri seriali , tag RFID e persino ologrammi . Ma mentre la marcatura delle parti è standard per alcuni, non è ancora mainstream, e poiché la stampa 3D continua ad aumentare, la sicurezza diventerà più importante, non meno.

Ecco perché la società belga Aerosint , che ha sviluppato un sistema di deposizione in polvere selettiva per sostituire il materiale riciclato monomateriale in processi di fusione laser a letto (LPBF), ha collaborato con InfraTrac, con sede nel Maryland, per estendere la sicurezza chimica nella stampa 3D di deposizione multi-polvere attraverso etichettatura segreta.

Secondo un comunicato stampa di Aerosint, “… la possibilità per chiunque di creare parti per l’uso finale consente a attori malintenzionati e a nuovi giocatori di outsourcing utili. Alcuni dei velivoli e dei ricambi auto con stampa 3D non saranno soggetti a licenza, attenti, fornitori di alta qualità e saranno necessari nuovi approcci alla protezione.

“In questo nuovo modello, un file digitale trasmette la capacità di creare un prodotto. Le protezioni software e la gestione dei diritti digitali sono necessarie per proteggere la proprietà intellettuale in quel file. Tuttavia, nessuna di queste protezioni digitali ci manterrà al sicuro dalle parti e dai prodotti contraffatti stampati in 3D: una volta completata la stampa, le protezioni digitali perdono la loro efficacia. L’anti-contraffazione per la produzione additiva deve essere parte integrante del prodotto stampato finale. “

Le parti possono essere testate per la presenza di taggati chimici specifici del sito usando un piccolo spettrometro portatile come quelli della serie NIROne dei motori Spectral (a sinistra). Nel pannello di destra, viene analizzato un campione ULTEM (arancione acceso) contenente un taggant InfraTrac. Penny per la scala. [Immagine: Aerosint]

InfraTrac ha un metodo vincente per l’ anti-contraffazione in parti stampate in 3D – aggiunge un taggant (marcatore chimico compatibile) durante la stampa in un piccolo spot nascosto sottosuperficiale. Con il rilevamento immediato dei campi, il modello di etichettatura dell’azienda garantisce la sicurezza chimica delle parti stampate in 3D. Ma fino ad ora, questo era limitato a un solo materiale, rendendolo non disponibile per la stampa 3D a letto in polvere, che è un processo importante per applicazioni industriali scalabili. Ma collaborando con Aerosint, InfraTrac può ora estendere ulteriormente il suo modello.

“La complessità è il nemico della sicurezza: procedure difficili invitano a risolvere il problema”, afferma il comunicato stampa Aerosint. “Questo è ciò che ci fa riutilizzare le password anche quando sappiamo che non dovremmo. Le procedure di sicurezza allineate con i processi esistenti sono più probabilmente adottate e meno probabilità di essere aggirate. L’applicazione di taggant o codici dovrebbe far parte del flusso di lavoro standard di stampa o produzione, non di un componente aggiuntivo. Il rilevamento dovrebbe richiedere alcuni secondi, con attrezzature economiche, portatili e immediatamente disponibili. “

La stampa 3D LPBF, come SLM e SLS, utilizza la fusione selettiva di materiale in polvere distribuito in strati su una superficie di costruzione, ma nessuno di questi due metodi popolari può posizionare più polveri all’interno di uno strato in posizioni specifiche. Con il controllo a livello di voxel, è possibile mettere con precisione due o più materiali in polvere in uno strato … e questo è esattamente il tipo di sistema di deposizione in polvere selettiva su cui Aerosint sta lavorando.

Nella sua nuova collaborazione con InfraTrac, Aerosint è in grado di stampare in 3D semplici parti dimostrative di polimeri e metalli, che includono siti di impronte digitali basati sulla formulazione in polvere di InfraTrac. Questi componenti, stampati su un sistema SLM o SLS equipaggiato con il rivestimento speciale, hanno materiali incorporati in siti specifici che possono essere rintracciati da InfraTrac; quindi, le parti saranno testate e verificate. Poiché InfraTrac può rendere i materiali taggant identici al materiale sfuso della parte stampata in 3D, è quasi impossibile contraffarli.

[Immagine: InfraTrac]

Grazie alla partnership tra Aerosint e InfraTrac, gli utenti delle industrie che richiedono il controllo di qualità più rigoroso possono garantire con sicurezza l’autenticità delle parti in modo semplice e scalabile.

Be the first to comment on "Aerosint e InfraTrac estendono l’etichettatura dei prodotti chimici in parti stampate in 3D con fusione a letto di polvere"

Leave a comment