Aerosint 3D stampa parti multi-metallo con la tecnologia LPBF

Aerosint 3D stampa parti multi-metallo utilizzando LPBF

La società di produzione additiva belga Aerosint ha annunciato oggi di aver stampato con successo cubetti 3D e una parte più complessa realizzata con due tipi di metallo. Sebbene le parti siano piccole, la novità è grande: la stampa 3D multi-metallo è ora una capacità molto reale.

La società, comprensibilmente entusiasta, ha dichiarato : “La stampa 3D multi-metallo non è più un pio desiderio! Martedì abbiamo stampato piccoli cubi a doppio metallo. Mercoledì abbiamo stampato questa fantastica parte. Immagina solo cosa saremo in grado di realizzare nei prossimi mesi e anni … “

La produzione di additivi multi-metallo è stata appena fuori portata per molto tempo, sebbene il suo potenziale sia stato ampiamente riconosciuto. Aziende come Virgin Orbit hanno esplorato la tecnologia, anche se Aerosint è stata probabilmente in prima linea nello sviluppo della capacità di stampa multi-metallo utilizzando processi a base di polvere.

All’inizio del 2018, la società belga ha annunciato che stava sviluppando la prima stampante 3D SLS multi-polvere commerciale . All’epoca, l’obiettivo era sviluppare la tecnologia da utilizzare con i polimeri, sebbene Aerosint avesse già l’obiettivo di rendere agnostico il materiale della sua tecnologia di erogazione di polvere selettiva.

Oggi Aerosint mostra i progressi fatti con le sue capacità di stampa 3D multi-metallo. I componenti di prova multi-metallo sono stati stampati utilizzando una stampante 3D Aconity3D Midi + LPBF dotata del rivestimento doppio metallo di Aerosint. La parte circolare, che misura 6,9 mm di altezza e 55 mm di diametro, è composta da 174 strati di 40 micron ciascuno.

Fondamentalmente, la parte è realizzata con due materiali metallici: 316L di Carpenter Additive e CuCrZr (Copper Chromium Zirconium) di TLS Technik, che è stato utilizzato per il canale interno della parte che misura 1,7 mm. In totale, la parte stampata in 3D multi-metallo ha impiegato 5 ore e 40 minuti per la produzione. I cubi di prova più semplici sono stati stampati anche da una combinazione di acciaio e lega di rame.

“Siamo molto orgogliosi di questo risultato”, ha dichiarato Aerosint. “Oggi nessun’altra tecnologia è in grado di produrre parti in metallo doppio. Fusion Metal Multi-Metal Powder Bed crea una gamma di nuovi casi d’uso e applicazioni che ci sentiamo entusiasti di esplorare insieme ai nostri partner in futuro. ”

Aerosint dice a 3dpbm di aver già identificato alcuni dei primi utenti interessati a proseguire la ricerca sul suo processo multi-metal LPBF per migliorare la tecnologia. Tra le applicazioni che potrebbero essere maggiormente influenzate dalla capacità di stampare più metalli in una singola parte ci sono scambiatori di calore, ugelli a razzo, inserti per punte da trapano, componenti resistenti all’usura e utensili da taglio.

In futuro, la società AM prevede anche di testare più combinazioni di materiali, tra cui acciaio inossidabile 316L e Inconel 625 o 718, lega di Ti e nitinol e altri. Attualmente, Aerosint spera di collaborare con i produttori per stampare le parti di prova al fine di dimostrare il valore della stampa 3D multi-metallo.

Be the first to comment on "Aerosint 3D stampa parti multi-metallo con la tecnologia LPBF"

Leave a comment