Admatec e Aristo-Cast

La società olandese Admatec (Additive Manufacturing Technologies) produce stampanti 3D in ceramica ADMAFLEX dal 2014 e ha lanciato la sua prima stampante 3D in metallo nel 2017. Nello stesso anno, la società di microfusione Aristo-Cast , che produce modelli di cera stampata in 3D dal 1993, ha iniziato a lavorare con uno dei sistemi ceramici dell’azienda per creare un nuovo processo senza pattern che potrebbe completamente rivedere il processo tradizionale della fusione a cera persa.

“Abbiamo lavorato con Admaflex 130+ Ceramic 3d printer per circa 18 mesi”, ha dichiarato Jack Ziemba, CEO di Aristo-Cast. “Durante questo periodo abbiamo sviluppato un processo che ci ha permesso di rivoluzionare il processo di microfusione”.

La fusione convenzionale degli investimenti è lunga e laboriosa. Implica l’iniezione, o stampa 3D, di un motivo, che viene poi investito (immerso) in una sospensione di ceramica più volte per rendere il rivestimento per una conchiglia. Ogni strato deve asciugarsi prima di aggiungere il successivo, e mentre il primo è il più importante in termini di finitura superficiale e dettagli fini, può richiedere fino a otto mani per finire la shell. Successivamente, il motivo viene bruciato dal rivestimento, che lascia una cavità riempita con una lega per creare una fusione a tolleranza stretta.

I modelli di investimento più difficili sono quelli con passaggi o nuclei complessi, in quanto è difficile verificare l’integrità del mantello e quando è sufficientemente asciutto da applicare la mano successiva. Ma con il nuovo processo sviluppato da Aristo-Cast con ADMAFLEX 130, è possibile stampare direttamente la shell in 3D, riducendo i passaggi necessari per il processo tradizionale e la necessità di costosi stampi a iniezione o modelli stampati in 3D. Inoltre, quando la shell viene stampata in 3D da un file CAD, non devi più preoccuparti di come appaiono i dettagli della superficie, il tempo può essere ridotto fino al 75% dal momento che non devi aspettare più mani per asciutto, ed è possibile ispezionare intricati passaggi centrali prima di versare la lega per creare il cast.

Ziemba ha dichiarato: “Stiamo solo graffiando la superficie dei vantaggi che la stampa a conchiglia può offrire”.

Admatec e Aristo-Cast hanno lavorato insieme per sviluppare una formula in ceramica che corrisponda alla formulazione della shell richiesta, che ha portato alla creazione di Admatec di un materiale per microfusione che è anche adatto per la stampa 3D e compatibile con il processo di stampa 3D.

“La stampante Admatec 3d ha portato la produzione di prototipi di microfusione al livello successivo”, ha affermato Ziemba. “La sua semplicità e facilità d’uso non hanno paragoni rispetto alla tradizionale stampa 3D a schema.”

Combinando questo nuovo materiale con la tecnologia DLP di Admatec, Aristo-Cast è ora in grado di stampare in 3D geometrie intrinseche estremamente accurate e pareti molto sottili.

“La riduzione del materiale utilizzato, ha permesso un restringimento isotropico più consistente della parte finale e la capacità di stampare una superficie cava perfetta dall’interno del guscio permettendo una più facile rimozione del nucleo”, ha detto Ziemba.

“Con la tecnologia Admatec, chiunque sia in grado di fondere il metallo potrebbe diventare un investitore.”

Mentre i risparmi sui costi varieranno, poiché il prezzo dipende dalla complessità della parte stessa, i clienti potrebbero risparmiare fino al 50% utilizzando questo nuovo processo. Le soluzioni di microfusione di Admatec sono ora disponibili per i clienti sul mercato.

“Qui ad Admatec ci sforziamo di assistere i clienti con soluzioni su misura attraverso la nostra esperienza nello sviluppo di materiali e macchine”, ha affermato Admatec COO Jaco Saurwalt. “Se stai cercando un partner per migliorare o sviluppare nuove soluzioni con la produzione di additivi ceramici e metallici, ti piacerebbe avere tue notizie!”

La prossima settimana alla conferenza AMUG di Chicago, Aristo-Cast presenterà il nuovo approccio all’investimento in 3D stampato sviluppato con Admatec. Fermati nella Sala PDR2 alla conferenza di martedì 2 aprile tra l’1:30 e le 2:30 per discutere l’approccio con il direttore vendite locale John Koch e il CCO Sandeep Rana.

Be the first to comment on "Admatec e Aristo-Cast"

Leave a comment