Adidas ‘Speedfactories’ lenuove fabbriche tornano in Europa e America con stampa 3drobot e automazione intelligente

Le nuove Adidas ‘Speedfactories’ inizieranno  a produrre scarpe stampate in 3d  quest’anno

Nel corso degli ultimi due anni, il marchio di abbigliamento sportivo tedesco Adidas è diventato sempre più riconosciuto come una società che non ha paura di spingere i confini oltre il limite. Per esempio con  l’esplorazione di nuove tecnologie di produzione come la stampa 3D, e grazie alla collaborazione con le organizzazioni eco-minded, come Parley, Adidas è emersa in prima linea in un paesaggio di produzione in cambiamento. Recentemente, la società ha fatto ulteriori incursioni in nuovi terreni di produzione con l’annuncio della sua nuova “Speedfactories”, che l’azienda sta aprendo in Germania e negli Stati Uniti.

Adidas presto aprirà a Ansbach, in Germania, e sarà il luogo di molti nuovi processi di produzione, tra cui la stampa 3D, la maglieria computerizzata, e il taglio robotico. Il suo obiettivo? Portare la produzione Adidas di nuovo in Germania, e di aprire le porte per un nuovo approccio alla produzione di calzature.

Attualmente, la scarpa sportiva del settore fattura 80 miliardi di dollari l’anno, ma in gran parte è in outsourcing la sua produzione avviene in paesi come Cina, Indonesia e Vietnam. E mentre l’etica che circonda questa pratica è ancora nebbiosa nella migliore delle ipotesi, il paesaggio finanziario che cambia in tali paesi sta rendendo sempre più difficile (leggi: costoso) per le aziende mantenere le loro tecniche di produzione difficili e per lo più manuali lì.

Le difficoltà di outsourcing non sono le uniche ragioni per cui Adidas ha fatto il passo verso una produzione più tecnologica e locale, tuttavia, la società spiega che i tempi di produzione più brevi e le catene di approvvigionamento più semplici sono necessari al fine di tenere il passo con la domanda dei consumatori. Gerd Manz, capo dell’innovazione tecnologica di Adidas, ha spiegato, “Il modo in cui la nostra azienda opera è probabilmente il contrario di ciò che i consumatori desiderano.”

Usando i metodi attuali, una scarpa può richiedere fino a 18 mesi (dalla progettazione, alla prototipazione, alla prova materiali, alla produzione) prima di finire su uno scaffale del negozio. Considerando che molte scarpe da corsa si vendono solo per una parte dell’anno, l’approccio non è certamente il più efficace. Al contrario, la produzione in Speedfactory potrà fornire negozi con scarpe da ginnastica e scarpe sportive in meno di una settimana. Secondo la società, il ciclo di produzione potrebbe anche essere più breve, un giorno, una volta che il progetto sia finalizzato. Il ciclo più breve è in gran parte dovuto alle nuove tecnologie digitali che consentono non solo alle scarpe di essere progettate in digitale, ma si possono  anche testare e simulare i modelli.

Molti dettagli sul sistema di produzione del Speedfactory sono comprensibilmente tenuti segreti, anche se Adidas ha suggerito che il suo processo di produzione fisica comprenderà una varietà di materie prime, tra cui plastiche, fibre, e altro ancora. Come accennato, le nuove fabbriche saranno dotate di una serie di tecnologie di produzione avanzate, comprese le macchine per maglieria computerizzate, il taglio robotico, e, naturalmente, la stampa 3D, ognuna delle quali contribuirà a creare scarpe più veloci, più economiche e più materialmente efficienti.

Naturalmente, con l’aumento delle tecnologie automatizzate, la questione del lavoro e dell’occupazione è sempre vicino alle spalle. Secondo Adidas, mentre i nuovi Speedfactories non impiegherà il maggior numero di lavoratori manuali come le fabbriche in Asia, ogni aprirà circa 160 nuove posizioni per i lavoratori altamente qualificati. Per il momento, almeno, l’azienda ha sottolineato che i nuovi  impianti di produzione tecnologici saranno stabiliti per integrare piuttosto che sostituire le fabbriche asiatiche di Adidas . Ciò è comprensibile se si considera che Adidas produce tipicamente circa 300 milioni di paia di scarpe all’anno e le Speedfactories hanno una produzione prevista di circa 50.000 paia all’anno.

Adidas prevede di aprire la sua Speedfactory a Ansbach entro la metà del 2017, e sta preparando l’impianto in collaborazione con Oechsler Motion, una società di attrezzature di produzione locale. Inoltre, la costruzione di una seconda Speedfactory è già in corso vicino alla città di Atlanta, in Georgia negli Stati Uniti. Se entrambi gli stabilimenti dimostreranno di avere successo, non si può dire quanti altri Speedfactories potrebbero nascere nei prossimi anni. Adidas ha anche suggerito che le sue nuove tecnologie potrebbero essere implementate negli  stabilimenti esistenti in tutta l’Asia, in particolare accompagnando la crescita locale della domanda di abbigliamento sportivo .

In un’altra nota Adidas sottolinea che le nuove tecniche di produzione offrono la capacità di costruire interamente delle nuove strutture e un nuovo design per le calzature. Come abbiamo visto, la progettazione 3D e la stampa hanno aperto le porte per  la produzione di scarpe e di abbigliamento in termini elevati, consentendo a forme complesse e a strutture interne con  materiali nuovi e innovativi. In termini di personalizzazion la stampa 3D e il digital design potrebbero offrire livelli senza precedenti di personalizzazione per le scarpe, prendendo in considerazione la postura, l’andatura, e la struttura del piede di chi li indossa.

Be the first to comment on "Adidas ‘Speedfactories’ lenuove fabbriche tornano in Europa e America con stampa 3drobot e automazione intelligente"

Leave a comment