Additive World Design for Additive Manufacturing Challenge 2018 i sei finalisti tra cui l’italiana Aidro Hydraulics

Additive Industries nomina i 6 finalisti nella riprogettazione della stampa 3D

Additive Industries, pioniere olandese delle tecnologie di stampa 3D  metal, ha recentemente annunciato i primi sei finalisti del suo Additive World Design for Additive Manufacturing Challenge 2018. I sei finalisti, selezionati tra oltre 52 concorrenti, hanno utilizzato i processi di stampa 3D per ridisegnare e migliorare un prodotto industriale.

Il concorso Additive World Design for Additive Manufacturing Challenge, lanciato durante la Dutch Design Week di Eindhoven a ottobre 2017, ha invitato sia i professionisti che i designer studenti a presentare le loro proposte per una riprogettazione innovativa che sfruttasse la stampa 3D.

La sfida di quest’anno, che segna la terza edizione, ha visto richieste da tutto il mondo e da una serie di settori diversi, tra cui l’aeronautica, la medicina, l’alta tecnologia e l’industria automobilistica.

“Le riprogettazioni di quest’anno dimostrano ancora una volta come i design dei prodotti possano essere migliorati quando viene applicata la libertà della stampa 3D”, ha affermato Daan Kersten, CEO di Additive Industies. “Non si tratta più solo dell’ottimizzazione della topologia, ma dell’eliminazione delle difficoltà di produzione, della riduzione al minimo dell’assemblaggio e dell’abbassamento dei costi logistici. Queste riprogettazioni stanno davvero dimostrando una vasta gamma di applicazioni. ”

Senza ulteriori indugi, ecco i primi sei finalisti. I primi tre – dalla categoria professionale – erano la società indiana Intech DMLS, la francese 3D-medlab e l’italiana Aidro Hydraulics. Intech DMLS ha ottenuto riconoscimenti per dimostrare come la stampa 3D potrebbe aiutare il settore avionico a ridurre i numeri di parte e ad aumentare l’efficienza dei componenti e ridurre il peso.

3D-medlab , da parte sua, ha ottenuto la stampa 3D Medical Gripper, che secondo Additive Industries “anche quando la produzione additiva è già applicata alla produzione di protesi in campo medico, c’è ancora spazio per applicazioni estese.” la sua presentazione, 3D-medlab ridisegnato e stampato in 3D un impattatore, che viene utilizzato per contenere cose come le coppe acetabolari durante l’intervento chirurgico.

Da sinistra a destra: Intech DMLS ‘Avionics System’; 3D-medlab “Medical Part Gripper”; ‘Hydraulic Manifold’ di Aidro Hydraulics

Il team di Aidro Hydraulics ha ridisegnato una parte del collettore idraulico per la stampa 3D con peso ridotto e prestazioni di flusso ottimizzate. Oltre ai tre finalisti professionisti, una menzione d’onore è stata data a Fabian Baum, della società tedesca EDAG Engineering, che ha progettato LightHinge +.

Nella categoria studenti, Philipp Kaindl della Technical University of Munich è stato selezionato per il suo “Gasification Burner” stampato in 3D, che integra un meccanismo di vorticoso carbone che aumenta l’efficienza termica del bruciatore.

Yogeshkumar Katrodiya del Fraunhofer IGCV tedesco è stato riconosciuto per il suo progetto che integrava canali di raffreddamento conformali in una parte dell’albero e dell’ingranaggio. Progettando la parte per la stampa 3D, lo studente è riuscito a creare una migliore efficienza di raffreddamento e ha ridotto il peso del pezzo del 50% grazie all’ottimizzazione della topologia.

Da sinistra a destra: Philipp Kaindl ‘Gasification Burner’; Yogeshkumar Katrodiya “albero e ingranaggi integrati in modo funzionale”; Cassidy Silbernagel ‘Ultimaker 2+ Hot End’

(Immagini: Industrie additive)

Infine, Cassidy Silbernagel dell’università di Nottingham nel Regno Unito è stato selezionato come finalista per il suo aggiornato “multi-filamento Ultimaker 2+ all hot hot metal.” Questo progetto, se non lo avete già indovinato, consisteva nell’aggiornamento di una Ultimaker 2 + Stampante 3D. Oltre al multi-filamento e all metal hotend, Silbernagel ha anche migliorato le funzionalità di raffreddamento delle parti della stampante.

I vincitori di ogni categoria saranno annunciati in occasione della prossima cena per l’Additive World Conference Award il 14 marzo 2018 a Eindhoven.

 

Be the first to comment on "Additive World Design for Additive Manufacturing Challenge 2018 i sei finalisti tra cui l’italiana Aidro Hydraulics"

Leave a comment