Additive Works ed Eos insieme per il software di simulazione Amphyon

Additive Works  è nota per il suo software Amphyon, uno strumento di simulazione che passa attraverso il processo di costruzione di una produzione additiva prima che avvenga effettivamente, evidenziando e ottimizzando possibili aree problematiche. L’obiettivo del software è quello di trovare e affrontare tutti i possibili problemi prima che la stampante 3D sia addirittura accesa, eliminando le brutte stampe e consentendo all’utente di ottenere una stampa impeccabile al primo tentativo. Amphyon è al centro di una nuova collaborazione tra Additive Works e il produttore di stampanti 3D in metallo EOS .

“Sebbene la stessa tecnologia AM sia molto matura, specialmente per gli utenti inesperti, può essere difficile prevedere se una parte verrà stampata in 3D come previsto”, ha affermato il Dr. Nils Keller, CEO di Additive Works. “Quindi, quando una parte viene prodotta con problemi, ad esempio difetti superficiali, significa uno spreco di tempo macchina e costi dei materiali. Una risposta a questa sfida è Amphyon. L’utilizzo del software di simulazione è standard quando si tratta di metodi di produzione convenzionali. Con Amphyon, la simulazione ora diventa anche una soluzione per la produzione additiva, sottolineando l’aumento dell’uso e le mutevoli esigenze della stampa 3D industriale per la produzione in serie. ”
Il software Amphyon è facile da usare, strutturato secondo il principio “ASAP” dell’azienda: valutazione, simulazione, adattamento e processo. Il software ha un paio di moduli diversi e si concentra sulla valutazione delle parti, l’ottimizzazione del supporto e la simulazione dei processi. Nella fase di valutazione, un modulo esaminatore valuta la geometria della parte, valuta tutti i possibili orientamenti di costruzione e trova automaticamente la migliore.

Due moduli sono disponibili nella fase di simulazione: il modulo di supporto , attualmente in versione beta, e il modulo MPS (Mechanical Process Simulation). Nel modulo Supporto, le strutture di supporto ottimizzate vengono generate automaticamente. Le routine di ottimizzazione del modulo adattano la perforazione del supporto e le interfacce tra parte e supporto in base ai carichi di processo calcolati. Il tempo e il costo della generazione del supporto manuale vengono eliminati, il materiale di supporto viene salvato e viene aumentata la stabilità del processo, evitando costosi fallimenti di build. Il modulo MPS presenta un modo semplice e veloce per simulare la meccanica di processo e calcolare e compensare le distorsioni.

Nell’ambito della nuova partnership, alcuni materiali metallici EOS vengono integrati nel software Amphyon e calibrati per quanto riguarda le proprietà dei materiali. Alla fine, tutti i materiali metallici di EOS verranno calibrati e implementati nel software.

“Mentre la stragrande maggioranza del pubblico ritiene che la produzione additiva consenta la creazione di oggetti tridimensionali da un progetto digitale semplicemente facendo clic su un pulsante, gli utenti della tecnologia sanno che la realtà è più complessa”, ha dichiarato Martin Steuer, Responsabile del prodotto Software e servizi di gestione presso EOS. “Grazie alla missione di rendere la stampa 3D industriale ancora più intuitiva e facile da usare, EOS è felice di collaborare con Additive Works in tema di simulazione del processo AM. ‘Simula prima di creare’ è davvero un fattore chiave per garantire un processo di sinterizzazione laser di successo con materiali metallici, sin dall’inizio. ”
EOS offrirà anche il software Amphyon ai suoi clienti come parte della partnership. Entrambe le società svilupperanno ulteriori miglioramenti per il software e i moduli di valutazione, supporto e simulazione di Amphyon saranno integrati in EOSPRINT 2, il software di gestione dei processi e dei processi EOS .

Be the first to comment on "Additive Works ed Eos insieme per il software di simulazione Amphyon"

Leave a comment