Additive Orthopedic il primo impianto osseo a forma di dito stampato in 3D negli Stati Uniti

ADDITIVE ORTHOPEDICS FORNISCE IL PRIMO IMPIANTO PER DITO STAMPATO IN 3D NEGLI STATI UNITI

Robert Smith, un lavoratore siderurgico di San Pietroburgo, in Florida, è diventato la prima persona a ricevere un impianto osseo stampato in 3D negli Stati Uniti

Il dott. Daniel Penello di Alexander Orthopedic Associates e un team di Additive Orthopedics , una società di tecnologia medica con sede nel New Jersey, hanno lavorato per creare la sostituzione personalizzata dell’osso stampato in 3D. L’alternativa alla lesione di Smith sarebbe stata l’amputazione. Penello afferma : “Nessun impianto come questo è mai stato concepito o creato e volevo assicurarmi che questa sarebbe stata l’unica e l’unica procedura di cui aveva bisogno”.

Impianti specifici per paziente stampati in 3D

Nel 2017, Smith ha schiacciato il dito medio della mano sinistra al lavoro. Frantumando completamente l’osso, la ferita ha drasticamente ostacolato la sua capacità di afferrare, afferrare o stringere. Inizialmente, poiché un’operazione sarebbe stata troppo complicata, a Smith è stata data la possibilità di vivere con il dito rotto o di amputarlo, il che gli ha impedito di tornare al lavoro. Per fortuna il Dr. Penello ha offerto una terza opzione attraverso la produzione additiva.

In collaborazione con Additive Orthopedics è stato creato un impianto per dito stampato in 3D per adattarsi alla mano sinistra di Smith e restituire la sua mobilità.

Additive Orthopedics , ha recentemente ottenuto l’autorizzazione FDA per le sue placche reticolari di bloccaggio stampate in 3D specifiche per il paziente che allineano, stabilizzano e fondono fratture e altri problemi riscontrati nelle ossa piccole. Questa tecnologia è stata precedentemente utilizzata per creare impianti hammertoe in titanio stampati in 3D, curando una serie di lesioni al piede e alla caviglia.

Questo disegno reticolare, che è stato incorporato nell’impianto dito stampato in 3D, ha pori esterni più piccoli e pori interni più grandi, consentendo una guarigione più efficiente.

Due mesi dopo l’intervento chirurgico approvato dalla FDA, Smith ha riacquistato alcuni movimenti del dito che prima non erano possibili. Tuttavia, il Dott. Penello riconosce il rischio e i benefici della procedura unica.

“C’è sempre il rischio di fratture o allentamenti in cui l’artificiale incontra il biologico [tuttavia] per poter avere il pieno uso e la funzione del dito, proprio come non è mai accaduto, è assolutamente incredibile”, ha detto il Dr. Penello a Fox 5 .

Il dottor Penello spera che questo intervento possa aiutare altri con lesioni simili in futuro.

Be the first to comment on "Additive Orthopedic il primo impianto osseo a forma di dito stampato in 3D negli Stati Uniti"

Leave a comment