AddiFab e GEOSearch

AddiFab e GEOSearch Partner per automatizzare la selezione delle parti di utensili per la stampa 3D

L’azienda danese AddiFab produce una tecnologia a cui si riferisce come stampaggio a iniezione a forma libera con la quale è possibile stampare in 3D stampi e altri strumenti morbidi a basso costo . Proprio di recente, l’azienda ha avviato un servizio insieme a Mitsubishi Chemical . Ora stanno collaborando con l’azienda tedesca CADENAS e il suo strumento GEOSeach . Le due società sperano di utilizzare GEOSearch per consentire agli utenti di cercare e trovare le parti ideali da modellare. Utilizzando la ricerca per similarità geometrica, possono confrontare un file con i file esistenti nelle librerie CAD .

Secondo l’azienda:

“Utilizzando la ricerca per similarità geometrica GEOsearch, gli ingegneri possono cercare rapidamente e facilmente componenti geometricamente simili all’interno delle loro librerie di parti, partendo da una parte progettata approssimativamente o da uno schizzo 3D.

“Oltre alla forma che stanno cercando, gli utenti possono anche utilizzare GEOsearch di CADENAS per definire la dimensione desiderata dello strumento stampato prima della ricerca. Perché quando si stampa con la tecnologia AddiFab, la dimensione massima di 10 x 10 x 20 cm è di importanza decisiva. In questo modo è possibile escludere efficacemente pezzi troppo grandi.

“A causa dei costi notevolmente ridotti degli strumenti di stampa 3D nello sviluppo di prototipi e nella produzione di piccole serie, PARTsolutions in combinazione con la tecnologia di stampa AddiFab offre un enorme potenziale di risparmio”.

Mi piacerebbe che Thingiverse o altre piattaforme avessero una funzionalità simile. Sarebbe bello poter eliminare cose troppo grandi o già realizzate. O per trovare automaticamente qualcosa per quell’ultimo pezzo di filamento o per trovare una statuetta che si adatti a quello spazio vuoto della tua build. Le ricerche sulla geometria potrebbero anche aiutarci a riutilizzare i file CAD trovando geometrie che hanno le stesse funzionalità. Oppure potresti trovare elementi che presentano angoli di 35 gradi o non hanno sporgenze.

Immagina di dover modellare un pulsante da zero, ma esisteva lo stesso o ne esisteva uno così simile da poter essere rapidamente modificato nella parte di cui hai bisogno. Ci sono molti file CAD e di stampa là fuori che potrebbero essere facilmente riutilizzati in molte altre cose. Sarebbe anche utile combinarlo con il software di annidamento, in modo da poter riempire automaticamente il resto della build con occhiali da sole, ad esempio, o altri oggetti rilevanti.

Oppure potresti avere una coda di oggetti che vorresti avere. Cura potrebbe verificare con GEOSearch per confrontare le cose che si desidera vedere e ciò che può essere stampato “gratuitamente” in termini di tempo. Nelle build SLS, potresti avere un ordine permanente di molte parti diverse che vengono tutte stampate in determinate build una volta che sono rilevanti.

Per Addifab questo potrebbe accelerare notevolmente il proprio business. Questo potrebbe essere un ottimo strumento di vendita per loro. In generale, questo dovrebbe rendere più economico per AddiFab trovare nuovi clienti e trovare parti utilizzabili da stampare all’interno delle loro librerie di parti. Allo stesso tempo, i clienti possono eseguire più facilmente l’analisi dei costi e la selezione delle parti per la stampa 3D. I pezzi di ricambio sono molto spesso visti come centri di costo e ricevono poco amore dal resto dell’organizzazione da parte degli utenti. Gli OEM che vendono pezzi di ricambio ne generano notevoli profitti. Ma sono già bloccati in processi che li vedono riempire magazzino su magazzino di parti.

L’idea di AddiFab di un metodo digitale per produrre queste parti in modo relativamente economico potrebbe davvero guadagnare trazione. Miliardi di dollari immagazzinati per anni nei magazzini potrebbero essere convertiti in free cash flow. Dovrebbero essere realizzati solo pochi ricambi, di un certo tipo. Potrebbero quindi essere realizzati su ordinazione supplementare.

Questa idea, unita alla grande varietà di materiali che l’azienda può utilizzare, potrebbe farli trovare successo nei ricambi. Ma come avviare un cliente? Con quali parti possono farlo? Questa semplice soluzione dovrebbe accelerare i loro sforzi di vendita e permettere ad altri di sognare qualcosa di simile per le loro macchine e processi. L’ho sentito così spesso dai clienti che stanno cercando un selettore di parti o qualcosa che dica loro quale percentuale delle loro parti potrebbe essere stampata in 3D ea quale costo. Uno strumento simile a GEOSearch potrebbe essere proprio ciò di cui hanno bisogno molti venditori nella stampa 3D.

Be the first to comment on "AddiFab e GEOSearch"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi