ADAM strumento di costruzione automatizzato per stampare case 3D in superficie su Marte

ADAM: un concetto per la costruzione autonoma su Marte

Gracinda Ferreira ha un concetto interessante per la costruzione di strutture su Marte e oltre. La sua idea di ADAM richiede uno strumento di costruzione automatizzato per stampare case 3D in superficie. Dopo che ADAM è finito, riposa sul posto e diventa parte dell’abitazione in questione. Questa è una soluzione diversa rispetto ad alcune delle idee di Mars Habitat di cui abbiamo sentito parlare nel corso degli anni .

“Questo meccanismo è essenzialmente composto da un corpo automatizzato che centralizza tutte le funzioni di comando e ha approssimativamente la forma di una normale capsula spaziale, alla quale due bracci multifunzione sono fissati in posizioni opposte. Le braccia ruotano orizzontalmente attorno alla capsula e sono in grado di muoversi su e giù indipendentemente. Sono gli arti estrusori, che conducono la miscela dall’interno della capsula, dove viene miscelata, al cantiere. Altri due arti meccanici funzionano come tubi di aspirazione, che raccoglieranno il terreno marziano e lo porteranno nella camera di miscelazione.

“Questo meccanismo si chiama” Meccanismo di distribuzione e ancoraggio automatico “o ADAM. Una volta installato a terra, inizierà la sua funzione di stampa 3D di costruzione di una struttura modulare rigida in situ a forma di cupola ottimizzata, con una miscela grezza di regolite locale, acqua e altri additivi leganti che devono essere trasportati, e che deve essere scelto per dare al compost le proprietà desiderate. “

Un sistema a base d’acqua potrebbe avere i suoi svantaggi su Marte, ma poiché qualsiasi materiale è così scarso e lo sarebbe anche la gente, il riutilizzo delle attrezzature di costruzione come componenti strutturali e di gestione dell’abitazione avrebbe notevoli vantaggi. Gracinda crede in questo concetto abbastanza per brevettarlo e sta cercando di sollecitare i partner per questo. ADAM sarebbe anche un “meccanismo che diventa uno strumento per estrarre ed elaborare le risorse in modo continuo, garantendo un ambiente sostenibile che si autoregola e può auto-ripararsi e ricostruirsi. ”

In primo luogo, tuttavia, ADAM atterra sul pianeta e annoia un buco di dieci metri.
Le pale rotanti, assistite da eliche, si estenderanno e scenderanno verso l’esterno.

Regolith viene quindi miscelato in una forma di calcestruzzo nel dispositivo ed estruso.

ADAM stamperà quindi la cupola 3D su se stessa, incapsulandosi.

L’ingresso della cupola sarà attraverso ADAM in alto. Il modulo stesso fornirà quindi aria e illuminazione all’interno della cupola mentre le braccia potrebbero essere utilizzate per appendere i pannelli solari o in un punto per riparare o estendere la cupola. Piuttosto che un grande cavalletto che dovrebbe essere smantellato, stiamo vedendo qualcosa che avrà una seconda vita una volta che la struttura sarà stata costruita. Questo è di per sé molto interessante. Incapsulato in questo concetto è anche l’idea di avere un edificio autoriparante che potrebbe rinnovarsi, il che sarebbe molto utile considerando le dure condizioni marziane.

Be the first to comment on "ADAM strumento di costruzione automatizzato per stampare case 3D in superficie su Marte"

Leave a comment