Accordo tra Royal DSM e Juggerbot

La società chimica olandese Royal DSM ha annunciato una partnership con Youngstown, Juggerbot 3D dell’Ohio, per sviluppare stampanti e materiali 3D per la produzione basata su pellet. Ciò rappresenta un maggiore slancio verso l’adozione della produzione additiva a base di pellet (AM), che a volte è considerata il futuro delle tecnologie di stampa 3D di estrusione di materiali.

Mentre DSM è già ben noto in AM per la sua produzione di vari materiali per la stampa 3D, Juggerbot 3D non è ancora un nome familiare. La startup è nata da Youngstown Business Incubator , con il supporto di America Makes , come produttore di stampanti 3D per estrusione di materiali su larga scala di qualità industriale. Mentre i suoi sistemi iniziali basati su filamenti sono in grado di stampare ad alta temperatura con materiali plastici ad alte prestazioni, Juggerbot ha recentemente sviluppato una forma di fabbricazione di granulato fuso (FGF) per la sua stampante 3D P3-44.

La macchina ha un volume di costruzione di 915 mm x 1.220 mm x 1.220 mm (36 pollici x 48 pollici x 48 pollici) e può produrre pezzi con una velocità di 4,5-9,1 kg / ora (10-20 libbre / ora). È dotato di due estrusori intercambiabili, piccolo e grande per una stampa precisa o veloce, nonché unità di essiccazione mobili per la rimozione dell’umidità dai pellet prima della stampa e una camera di costruzione a controllo ambientale.

La possibilità di stampare in 3D utilizzando i granuli offre numerosi vantaggi. Non solo possono essere alimentati tramite estrattore nell’estrusore più rapidamente del filamento, ma, poiché i materiali tipicamente utilizzati sono pellet di stampaggio a iniezione prontamente disponibili, gli operatori di macchine possono scegliere tra un portafoglio di materie plastiche molto più ampio. Combinati con una testa di deposizione ad alta velocità e una grande camera di costruzione, i sistemi basati su pellet hanno la capacità di stampare in 3D oggetti di grandi dimensioni molto rapidamente. Inoltre, sono molto, molto più economici dei filamenti.

Dopo aver lavorato insieme sui filamenti per i sistemi Juggerbot, DSM e Juggerbot collaboreranno ora allo sviluppo di sistemi e materiali industriali basati sul pellet. La stampante FGF esistente della Ohio Ohio è stata progettata per stampare con il polimero PET rinforzato con vetro di DSM, Arnite AM8527 , e DSM aggiungerà altri prodotti a pellet al suo portafoglio di materiali di stampa 3D.

Il supporto da parte della massiccia multinazionale olandese, che registra circa 10 miliardi di euro di vendite nette ogni anno, è ovviamente una spinta importante per l’avvio. Per DSM, non è solo un modo per espandere le sue vendite, ma per assicurarsi una posizione nei mercati di grande formato ed estrusione di pellet.

Dopotutto, BASF ha investito molto in Essentium , che ha sviluppato la propria forma di stampa di grande formato con una tecnologia volta ad affrontare il problema della debolezza dell’asse Z. Il colosso chimico ha anche recentemente collaborato con Cincinnati Inc. , che è nota per le sue massicce macchine per estrusione di pellet (anche se per ora la partnership è limitata alla sua stampante a filamento desktop). Anche DuPont vede la stampa 3D a pellet come il futuro del mercato, con il responsabile marketing per l’industria e il consumatore Christophe Paulo che afferma che “la maggior parte del mercato dell’estrusione di materiali sarà in pellet per le parti”.

La tecnologia di stampa 3D basata su pellet è ancora agli inizi nel suo sviluppo come mercato, con un numero relativamente piccolo di produttori di hardware che offrono macchine a pellet. Queste aziende provengono in genere da ambienti di produzione industriale. Cincinnati, Ingersoll e Thermwood sono tutti produttori di macchine utensili e Arburg è un’azienda di stampaggio ad iniezione. Avrebbe senso che questi sono i tipi di aziende che già percepiscono il modo in cui soffia il vento e ci si chiede se i produttori di sistemi di estrusione di filamenti si attaccheranno prima piuttosto che dopo.

Be the first to comment on "Accordo tra Royal DSM e Juggerbot"

Leave a comment