Accordo tra Cellink e RoosterBio per produrre un kit cellulare vivente di Bioink

A volte è difficile capire la differenza tra notizie sui progressi della medicina e la trama di un film di serie B dell’orrore. Gli ultimi sviluppi relativi al bioprinting sono proprio questo tipo di materiale, eppure fanno parte di ciò che sta realmente accadendo . Proprio questa settimana, Cellink e RoosterBio hanno annunciato una partnership che consente loro di mettere in comune le loro tecnologie complementari e mettono in commercio un  kit cellulare Bioink .

CELLINK-logoQuesto  kit consente la miscelazione ad alta fedeltà e la stampa di costrutti cellulari viventi combinando i sistemi di cellule staminali della RoosterBio con i bioinks universali che sono stati creati da Cellink. Questa combinazione fornisce i materiali necessari per un’ampia varietà di applicazioni commerciali quali la creazione di tessuti umani necessari per la ricerca e la sperimentazione. Invero, la sperimentazione resa possibile attraverso questi materiali potrebbe infine portare alla capacità di creare organi di ricambio per i pazienti che necessitano di un trapianto.

Questi kit promettono di semplificare e snellire il processo di bioprinting di costrutti cellulari viventi, riducendo la timeline per l’inizio della ricerca sulle cellule staminali e sul biomateriale da anni a pochi giorni. Ovviamente, riducendo i tempi di preparazione al minimo significa più tempo disponibile da dedicare direttamente alla ricerca e riduce anche il costo della stessa configurazione iniziale.

Il Co-fondatore di Cellink Erik Gatenholm ha descritto la filosofia che ha portato queste due società a lavorare insieme:

“L’innovazione non sta più emergendo da sviluppi personali all’interno di una singola organizzazione. L’Innovazione moderna e il futuro del settore medico è guidato da sforzi di collaborazione da parte di più player capaci di pensare fuori dagli schemi. Come biomateriali e Bioink esperti dobbiamo quindi circondarci di altri esperti, come RoosterBio, per integrare e ampliare la nostra offerta di prodotti e sincronizzare i nostri sforzi verso la visione finale: e forse un giorno saremo in grado di ridurre la carenza offerta nel mercato dei donatore di organi. Questo kit Bioprinting rivoluzionario, redditizio, ed elegantemente semplice è esattamente ciò che gli innovatori e gli early adopters in tutto il mondo hanno bisogno per spingere la loro ricerca nel campo dell’ingegneria tessutale. Offrendo un pacchetto completo del bioink insieme con le cellule giuste possiamo finalmente definire il primo standard nel settore bioprinting “.

I kit sono stati presentati ufficialmente in pubblico di ingegneria tissutale e Medicina rigenerativa al  World Congress a Boston. I potenziali benefici sono stati immediatamente chiari al pubblico che ha salutato la loro introduzione con grande interesse.

Che emozione è venuto come una sorpresa per Jon Rowley, amministratore delegato di RoosterBio, che ha spiegato l’entusiasmo presente sia quel pubblico e nelle aziende che collaborano:

“E ‘da tempo acclarato  che le rivoluzioni tecnologiche sono guidate dalla disponibilità e dal facile utilizzo e i kit poco costosi vanno on questa direzione. La partnership di RoosterBio con Cellink sottolinea questo ethos e risolve molteplici sfide dell’emergente mercato del bioprinting . Le nostre tecnologie combinate aiuteranno a democratizzare l’ingegneria dei tessuti e la tecnologia bioprinting 3D – che consente ad un pubblico molto più ampio per ottenere l’accesso al know-how.”

Be the first to comment on "Accordo tra Cellink e RoosterBio per produrre un kit cellulare vivente di Bioink"

Leave a comment