A Kristin Stransky artista della stampa 3d vengono rubate tutte le opere durante una mostra organizzata presso la Galleria Elettronica d’Arte della Colorado State University

L’artista Kristin Stransky ha subito il furto di un abito stampato in 3D, e di altre opere alla mostra d’arte in Colorado
Kristin Stransky, artista digitale di Denver, ha comunicato di aver subito il furto una serie di opere d’arte stampate in 3D, tra cui un elaborato abito stampato in 3D. Le opere che costituiscono gran parte del portafoglio dell’artista, sono state trafugate da una mostra organizzata presso la Galleria Elettronica d’Arte della Colorado State University.

Ogni furto d’arte è impagabile, ma c’è qualcosa di più inquietante in un artista emergente a cui viene rubata la maggior parte del suo lavoro. L’artista, comprensibilmente scossa dal delitto, ha detto che spera disperatamente che le sue opere stampate 3D saranno restituite, anche se questo è dubbio.

Se stai pensando che un’opera stampata 3D possa essere replicata perché è salvata come un file 3D e può essere stampata nuovamente, questo non è esattamente il caso per i pezzi più orientati alla moda di Stransky.

 

Ad esempio, il vestito stampato FabLink 3D che è stato rubato ha richiesto 800 ore per la stampa e quasi 200 ore di montaggio. L’abito stupefacente, di Daisy McGowan, direttore delle gallerie d’arte contemporanea presso l’Università del Colorado Colorado Springs, era composto da centinaia di piccoli collegamenti stampati 3D, collegati da una dozzina di collegamenti ancora più piccoli.

Il vestito da dieci libbre,  stampato in 3d con un materiale in fibra di nylon, è stato presentato nel 2016 alla raccolta fondi annuale di Brilliant del GOCA. McGowan, che indossava il pezzo meraviglioso, fece il discorso dell’evento. Ci sono voluti enormi sforzi, pazienza e lavoro per completare l’abito, perciò speriamo per amore di Stransky (e per l’amore della stampa 3D) che chiunque lo abbia preso lo restituisca.

 

Gli altri pezzi rubati  comprendono una collana e una maglia “Notion Motion” interattivi, che si illuminano con i movimenti dell’utilizzatore; Una collana stampata 3D dalla collezione Stransky’s Statement; Un pezzo di tessuto stampato 3D che dimostra la tecnica di collegamento; E un paio di mani che sono state prese da un pezzo più grande chiamato “L’evoluzione del lavoro manuale”.

“Mi sto arrampicando sugli specchi e devo parlare della mia arte rubata”, ha detto l’artista. “Sto già cercando di capire come rifare i pezzi, ma spero ancora di poterli riavere indietro. Probabilmente questo non accadrà, ma vale la pena. Spero solo che non li sprecano. Chi in uno spettacolo in una grande università poi ruba le opere d’arte? ”

Stransky ha anche aggiunto che non è il valore monetario dei pezzi che le interessa di più, è che la maggior parte del suo lavoro, cui si affida per promuoversi nel mondo dell’arte, è ormai scomparsa.

Fino ad ora non c’e ‘alcun vantaggio per chi avrebbe potuto rubare i pezzi. Tutto quello che sappiamo è che una chiave della galleria è stata trovata mancante da una serratura, che è stata presumibilmente utilizzata per entrare nella mostra durante la notte per prendere le opere stampate in 3D.

Be the first to comment on "A Kristin Stransky artista della stampa 3d vengono rubate tutte le opere durante una mostra organizzata presso la Galleria Elettronica d’Arte della Colorado State University"

Leave a comment