A Copenaghen in Ospedale arrivano i pasti personalizzati stampati in 3d

L’Università di Copenaghen serve dei pasti stampati in 3D su misura per i pazienti ospedalieri
Pensi che una cassata stampata in 3D sia più fantascienza che realtà? Non è così. Un’università danese è desiderosa di dimostrare che i pasti stampati in 3D possono essere altrettanto sani – e almeno altrettanto gustosi – del cibo normale. Il Dipartimento di scienze alimentari dell’Università di Copenaghen ha lanciato un nuovo studio di ricerca che utilizza la tecnologia di stampa 3D per adattare il cibo alle esigenze individuali dei pazienti ospedalieri. Ciò potrebbe significare qualsiasi cosa, da trame più lisce per pazienti che hanno difficoltà a deglutire, a vitamine potenziate per coloro che non hanno una nutrizione adeguata.

Mentre studi precedenti si sono concentrati maggiormente sulla dimostrazione della fattibilità degli alimenti stampati in 3D, in altre parole, è possibile che gli alimenti stampati in 3D siano possibili, e sì, anche commestibili: l’iniziativa di Copenaghen si distingue per il fatto di concentrarsi sulla personalizzazione. I pasti serviti attraverso il progetto di ricerca devono avere il corretto contenuto nutrizionale ed energetico in base alle esigenze del singolo paziente, e saranno anche adattati ai desideri del paziente per gusto e consistenza. Immagina una mela facile da mordere, o un pezzo di pane tostato che ha già il sapore del burro – teoricamente è tutto possibile, diciamo il cervello dietro al nuovo studio.

“L’essenza è che la tecnologia di stampa 3D può essere utilizzata per produrre pasti su misura, ed è importante perché ogni paziente ha bisogno di una dieta specifica, sia in termini di malattia […] che di esigenze nutrizionali e in prima linea nelle preferenze di gusto “, afferma Lilia Ahrné, professore di tecnologia per la lavorazione del latte presso il Dipartimento di Scienze dell’alimentazione dell’Università di Copenaghen.

Insieme ad Ahrné, i ricercatori dei dipartimenti universitari di design e comportamento dei consumatori, microbiologia e fermentazione e ingredienti e tecnologie caseari hanno svolto un ruolo fondamentale nello sviluppo e nell’esecuzione dello studio. Presto, il concetto verrà testato presso l’ospedale universitario di Aalborg, dove i partner del progetto si aspettano che i pasti stampati in 3D integreranno il trattamento medico con un’alimentazione adeguata alle esigenze dei singoli pazienti.

Ahrné spiega che ciascun partner contribuisce al progetto con conoscenza delle scienze sensoriali (incluso gusto e consistenza), conoscenza della microbiologia in relazione alla sicurezza alimentare e conoscenza della tecnologia di lavorazione del latte. Il professore dell’Università di Copenhagen ritiene che i prodotti lattiero-caseari siano ingredienti particolarmente rilevanti qui. Il gelato, per esempio, è facile da mangiare e può essere facilmente prodotto con un alto valore nutrizionale, note di Ahrné, che lo rendono un’opzione promettente per molti pazienti ospedalieri.

“Il mio ruolo personale è capire come si comportano i prodotti lattiero-caseari e controllarli quando vengono utilizzati in una stampante 3D”, afferma Ahrné. “La stampante è dotata di una varietà di cartucce che contengono i vari ingredienti alimentari che devono essere stampati come pasto. è una nuova forma di lavorazione del cibo di cui ancora non sappiamo molto “, aggiunge, i ricercatori esamineranno gli effetti specifici del processo di stampa sugli ingredienti e il loro impatto su aspetti come il gusto e la consistenza.

Ahrné si aspetta che il progetto sia l’inizio di una nuova era di cibo stampato in 3D. “Il potenziale per i cibi stampati in 3D è molto alto, poiché vediamo già una grande attenzione per il cibo adattato all’individuo, un focus che crescerà in futuro.”

Be the first to comment on "A Copenaghen in Ospedale arrivano i pasti personalizzati stampati in 3d"

Leave a comment