A Belgrado Pharm3D il primo e per ora l’unico laboratorio farmaceutico 3D in Serbia

La Facoltà di Farmacia dell’Università di Belgrado esplora soluzioni di stampa 3D per farmaci

La Facoltà di Farmacia dell’Università di Belgrado ospita un laboratorio di stampa 3D chiamato ” Pharm3D “. I farmacisti di questo laboratorio esplorano la stampa 3D di farmaci usando diverse tecniche di stampa 3D.

La professoressa Svetlana Ibric del Dipartimento di tecnologia e cosmetologia farmaceutica dell’Università di Belgrado sta lavorando allo sviluppo di forme di dosaggio a rilascio controllato e all’ottimizzazione dei processi in campo farmaceutico.

Ha svolto un ruolo chiave nella creazione del laboratorio e del team di ricerca, sottolineando la stampa 3D nelle farmacie. Oggi, studenti, ricercatori e professori dell’istituzione beneficiano di questa infrastruttura.


Fino ad ora, la stampa 3D di farmaci era già stata resa possibile grazie alla tecnologia SLS. Il laboratorio continuerà a esplorare le possibilità di questa tecnologia e utilizzerà anche il kit Sintratec . Tuttavia, secondo Marijana Madzarevic , una dottoranda del terzo anno in tecnologia farmaceutica, nonostante il grande potenziale di SLS per questa applicazione, non escluderanno le possibilità di altre tecnologie:

” Siamo orgogliosi di dire che è il primo e per ora l’unico laboratorio farmaceutico 3D in Serbia ” , ha detto. Nel cosiddetto “Pharm3D”, vengono utilizzati tre tipi di stampanti 3D: Fused Deposition Modeling (FDM), Stereolitithography (SLA) e con l’ultima aggiunta di un kit Sintratec, anche Selective Laser Sintering (SLS) “.

Marijana e il suo team stanno studiando l’applicabilità di vari eccipienti farmaceutici noti con queste tecnologie additive. La sinterizzazione laser selettiva ha suscitato l’interesse dello scienziato poiché – a differenza di altri tipi – il suo materiale di stampa è a base di polvere, che è già comune per i prodotti farmaceutici convenzionali.

Parlando della tecnologia SLS, va notato che questa tecnologia ha i suoi vantaggi e svantaggi quando si tratta di produrre farmaci.

Ad esempio, alcuni eccipienti (ad esempio mannitolo o lattosio) semplicemente non possono essere sinterizzati laser in una compressa stabile da soli. Questo è il motivo per cui il team Madzarevic sta concentrando la sua ricerca su diversi iniziatori per facilitare il processo di solidificazione.

“Vogliamo studiare una varietà di sostanze sicure di grado farmaceutico che aiutano a solidificare i componenti delle compresse comunemente disponibili e formano facilmente una compressa con rilascio mirato di farmaci (veloce, lento, pulsazioni), a seconda delle esigenze del paziente ” , ha spiegato il ricercatore.

Infine, per quanto riguarda il kit Sintratec, non è più necessaria alcuna compressione. Madzarevic ha detto che possono mettere la miscela nel contenitore di stampa, fare clic su stampa e avere un tablet.

Questo aspetto rende la tecnologia particolarmente interessante perché la compressione tende ad essere restrittiva. Sostituito da questo metodo additivo, si apre una gamma completamente nuova di possibilità, che vanno dalle forme compresse complesse agli aggiustamenti della dose personalizzati.

Il potenziale enorme di SLS in questo settore è evidente. Per i farmacisti, tuttavia, sono i pazienti e il loro benessere ad avere la massima priorità. Madzarevic insiste sul fatto che prima di qualsiasi implementazione, ogni tecnica deve essere attentamente studiata e i suoi vantaggi e svantaggi valutati in profondità.

Be the first to comment on "A Belgrado Pharm3D il primo e per ora l’unico laboratorio farmaceutico 3D in Serbia"

Leave a comment