3DQue prima installazione della sua unità di produzione di stampa 3D ad alto volume, il QPoD , alla Mitsubishi Chemical Performance Polymers

3DQUE INSTALLA L’UNITÀ DI PRODUZIONE DI STAMPA 3D QPOD PRESSO MITSUBISHI CHEMICAL PERFORMANCE POLYMERS

3DQue , una startup di stampa 3D con sede a Vancouver, ha annunciato la prima installazione della sua unità di produzione di stampa 3D ad alto volume, il QPoD , a Mitsubishi Chemical Performance Polymers (MCPP).

MCPP, interamente di proprietà della Mitsubishi Chemical Holdings Corporation (MCHC) con sede a New York , produce filamenti a base di polimeri con particolare attenzione ai materiali ad alte prestazioni per componenti di uso finale. Il suo nuovo laboratorio di prova sui materiali a Warren, nel Michigan, analizzerà le capacità del QPoD.

“Siamo molto entusiasti di lavorare con [MCPP] per testare le prestazioni e la compatibilità di QPoD con la loro vasta gamma di materiali”, ha spiegato Mateo Pekic, capo delle innovazioni di 3DQue.

“È 12x a 40x più veloce della produzione in lotti a costi che competono con lo stampaggio a iniezione del volume. Ciò significa innovazione più rapida e capacità di ridimensionare la produzione senza problemi. “

QPoD è un’unità di produzione ad alto volume con nove stampanti 3D in un array compatto 3 × 3 con un ingombro totale di 10 piedi quadrati. Questo sistema, presentato a RAPID + TCT , consente la gestione di vari filamenti e ugelli. Utilizzando la tecnologia di automazione dell’azienda QSuite, QPoD consente il controllo remoto 24/7 di tutte le stampanti e tutti i lavori 3D, inclusi pianificazione e monitoraggio, per la produzione in serie di parti.

Inoltre, QPoD è in grado di allocare file alle stampanti, rimuovere autonomamente parti, avvisare gli operatori al termine delle stampe, ripristinare le stampanti e avviare automaticamente il lavoro di stampa.

Allo sviluppo di QPoD Steph Sharp, CEO e co-fondatore di 3DQue, ha dichiarato: “Fino ad ora, la stampa 3D in plastica non è riuscita a soddisfare le esigenze di produzione odierne a causa dell’elevato costo di rimozione dei pezzi e della mancanza di scalabilità”.

“Lavorando dal suo seminterrato, Mateo Pekic è stato in grado di risolvere un problema che ha sconcertato alcuni dei maggiori esperti mondiali di scienza dei materiali, ingegneria e innovazione, automatizzando le stampanti 3D in plastica per produrre in modo sicuro parti in plastica complesse su scala”.

In precedenza, MCPP ha acquisito Dutch Filaments , un produttore di filamenti per etichette private, per espandere la sua posizione sul mercato. A seguito di questa acquisizione, Richard Luiken, co-fondatore di Dutch Filaments, ha dichiarato:

“Con il supporto dei polimeri chimici Mitsubishi Performance, i filamenti olandesi non solo saranno in grado di dare una risposta ancora migliore alla domanda in rapida crescita per i suoi filamenti, ma anche nuove competenze, materiali, tecniche che l’impronta globale di Mitsubishi Chemical spingerà ulteriormente il nostro contributo al mercato della stampa 3D “.

Be the first to comment on "3DQue prima installazione della sua unità di produzione di stampa 3D ad alto volume, il QPoD , alla Mitsubishi Chemical Performance Polymers"

Leave a comment