3DFactory Incubator Promuovere con successo l’adozione della stampa 3d

Nel corso dell’ultimo anno, 3DFactory ha incoraggiato le sue iniziative incubate per entrare nel mondo degli affari, offrendo i suoi oltre 500 servizi di consulenza e formazione, attività di marketing, certificazione delle parti e tecnologie di produzione post-elaborazione. Nel 2019, l’incubatore ha ospitato oltre 30 sessioni su argomenti relativi alla stampa 3D per ogni aspetto della catena del valore AM, oltre a sessioni di networking, sviluppo aziendale, finanziamento e formazione per le startup. 3D Factory Incubator ha anche partecipato a più conferenze e seminari che hanno contribuito a fornire visibilità all’iniziativa e ai suoi progetti incubati, come le conferenze 4YFN e INDUSTRY From Needs to Solutions.

Come accennato in precedenza, l’obiettivo era raggiungere 100 aziende incubate in cinque anni, di cui 25 nel primo anno. In appena un anno, 3D Factory Incubator ha raggiunto oltre 30, incluso Layertolayer, fornitore di servizi di stampa 3D; 3DBide, che fornisce soluzioni di stampa 3D e consulenza per attrezzature, sviluppo, formazione, implementazione e processo decisionale in materia di investimenti in merito a nuovi prodotti relativi alla stampa 3D; e E4-3D Engineering for Additive Manufacturing, che offre pezzi di ricambio per più marche di veicoli.

Secondo il vicepresidente esecutivo di Leitat, Joan Parra, l’incubatore deve il suo successo questo primo anno a “… trovare un bisogno nel settore ed essere in grado di offrire a questo talento emergente, attraverso l’incubatore 3D Factory, il supporto necessario per dare impulso alla tua attività, non solo attraverso l’accesso agli spazi e la consulenza professionale, ma anche attraverso l’accesso alle ultime tecnologie di stampa 3D e post-elaborazione sul mercato “.

Sembra che le cose non rallentino presto: il laboratorio di produzione per progetti incubati recentemente ampliato con l’acquisizione di una stampante 3D DLP per materiali biocompatibili e certificati CE. A breve, 3DFactory incorporerà probabilmente una seconda stazione di elaborazione di HP per lavorare con TPU flessibile, oltre a diversi sistemi di post-elaborazione, come un sistema di pulizia delle parti a getto d’aria, una macchina per graffiti e una macchina per tintura.

“La previsione era che, nel primo anno, sarebbero state installate 20 aziende e la realtà è che ne abbiamo già più di 30. Questo è un progetto quinquennale, ma ha un secondo derivato che è il Dfactory 4.0, un industriale progetto che stiamo già realizzando nella zona industriale; entro giugno 2020 sarà una realtà “, ha affermato Pere Navarro, delegato di stato speciale del Consorci de la Zona Franca di Barcellona. Ha continuato, osservando che DFactory 4.0 “sarà una fabbrica del 21 ° secolo, dove ci saranno stampa 3D, robotica, Internet of Things, intelligenza artificiale e blockchain; vale a dire che accoglierà la nuova economia con aziende che hanno già mostrato interesse a occupare questi spazi, con l’ambizione di rendere Barcellona la capitale europea dell’economia e dell’industria 4.0 “.

Grazie ai promotori del progetto Leitat e CZFB che finora hanno diffuso la notizia del successo dell’iniziativa, delle oltre 80 domande ricevute in 3D Factory Incubator, il 79% ha sede nazionale e il 21% è internazionale. Le organizzazioni sono entrambe soddisfatte del successo del primo anno di 3DFactory e molti addirittura portano il modello in altri paesi, come la Colombia.

Be the first to comment on "3DFactory Incubator Promuovere con successo l’adozione della stampa 3d"

Leave a comment