3DC Med sta cercando di cambiare l’odontoiatria in Brasile

Oggi il Brasile è uno dei paesi con il maggior numero di dentisti al mondo. Con oltre 190.000 dentisti (sono 111 dentisti ogni 100.000 persone ), non c’è da meravigliarsi se l’industria dentale è stata fortemente influenzata dalla stampa 3D. È proprio lì con gli Stati Uniti, Israele, Finlandia ed Estonia. Proprio come ovunque nel mondo, consente la creazione di una varietà di pezzi dentali, come guardie notturne e allineatori, protesi dentarie , guide chirurgiche e stampi , la produzione di guide di trapano per impianti dentali, modelli fisici per protesi, ortodonzia, fabbricazione di impianti dentali, craniomaxillofacciali e ortopedici, nonché la fabbricazione di cappette e strutture. UNa lungo con nuovi software 3D, scanner e stampanti 3D . La società brasiliana 3DC Med offre attrezzature all’avanguardia, tra cui tecnologie di scansione e stampa 3D per l’odontoiatria e la medicina digitale, nonché consulenze e formazione specifiche per garantire che i professionisti che acquistano le macchine le usino correttamente. Per il Chief Technology Officer di 3DC Med, Daniel Huamani, “la nozione di odontoiatria digitale coinvolge molto più che l’acquisto di macchine e software, si tratta di educare i professionisti sui potenziali usi della tecnologia”.

“Oggi, forse, solo il 5% dei dentisti brasiliani ha avuto contatti con l’odontoiatria digitale prima di diplomarsi, motivo per cui vendiamo le macchine e le addestriamo per usarle”, ha spiegato Huamani a 3DPrint.com. “Alcuni anni fa, i dentisti avrebbero chiesto se avremmo potuto stampare i denti con le stampanti, e quando abbiamo detto no, hanno praticamente perso interesse. Quindi stiamo dicendo loro che le stampanti 3D sono perfette per una varietà di guide chirurgiche, corone o ponti temporanei. “

Huamani spiega che la società “non ama spingere la tecnologia sul mercato senza prima insegnare loro come usarla”. Quando hanno iniziato a lavorare con l’industria dell’odontoiatria alcuni anni fa, hanno trovato un mercato incipiente che aveva cercato di avere successo spingendo la tecnologia ovunque, senza formazione o consultazione, porta a molti errori nel processo di stampa, che “è stato negativo per il mercato in generale”. Huamani afferma che “tende a deludere i dentisti” quando si avvicinano per la prima volta a 3DC Med. Raccomanda di iniziare in piccolo e poi di costruire.

“Di solito vogliono iniziare creando ogni tipo di pezzo odontoiatrico possibile, il che significa che dovrebbero acquistare tra tre o quattro diversi pacchetti software 3D e imparare come utilizzare ciascuno di essi”, ha affermato.

Secondo l’ingegnere, il mercato dell’odontoiatria 3D in Brasile è diventato più maturo negli ultimi due anni, davanti al resto della comunità latinoamericana, ma, come al solito, in ritardo rispetto ai paesi più sviluppati. Molti più dentisti comprendono oggi cosa possono fare con la stampa 3D e come farlo, grazie a un eccesso di informazioni e materiale pubblicato sulla tecnologia, insieme a una maggiore istruzione. Eppure Huamani suggerisce che ci sono alcune lacune, non con la stampante ma con il software CAD che dice “è un grande ostacolo per i dentisti, una professione che non è stata originariamente usata per nulla di digitale e ha bisogno di capire che se qualcosa di brutto esce dalla stampante non è colpa delle macchine, ma di solito la scansione oi preparativi CAD erano sbagliati. “

3DC Med è una consociata del gruppo 3D Criar , che ha recentemente partecipato alla quinta edizione di Inside 3D Printing Conference & Expo, a San Paolo, in Brasile, uno degli eventi di stampa 3D più importanti al mondo in Sud America. È stato originariamente sviluppato per fornire al settore dentale e medicale apparecchiature e consulenti altamente tecnologici con competenze uniche nel mercato, quindi non si tratta solo di odontoiatria. Il loro team di esperti aiuta con l’implementazione end-to-end, dalla scelta del giusto equipaggiamento e software alla corretta formazione della soluzione. Nel caso dell’odontoiatria, 3DC Med vende macchine DLE (Digital Image Processing) con stereolitografia (SLA) Mask Image Projection, che considerano le tecnologie 3D definitive per l’odontoiatria digitale grazie alla loro precisione. 3DC Med è il rivenditore ufficiale di Sprint Ray’s MoonRay Stampanti 3D (sia MoonRay D75 che MoonRay S100). Inoltre, forniscono resine (sia nazionali che internazionali), scanner intraorali (prodotti da Carestream Dental di produzione francese ) e possono consigliare software in base alle esigenze del cliente. La stampa 3D è una tecnologia in rapida crescita in vari campi, compresi i laboratori dentali. Le stampanti 3D dentali sono dotate di luci o laser che polimerizzano un liquido o fondono una polvere con la precisione guidata dal computer necessaria per produrre piccoli oggetti con dettagli complessi.

“La nostra esperienza con gli scanner intraorali ha dimostrato che funzionano molto bene. Ma sono molto realistico, quindi capisco che sono eccellenti per la scansione dei denti e nient’altro. A 40.000 dollari uno scanner, serviranno a quell’unico scopo. In 3DC Med crediamo nella tecnologia di scansione, ma solo quando vengono applicati all’uso corretto. Gli scanner dentali sono una buona tecnologia, dato che danno ai professionisti un’idea fedele di ciò di cui hanno bisogno per stampare “, ha detto Huamani.

3DC Med aiuterà i dentisti a passare dalla A alla Z del processo, insegnando loro tutto ciò che devono sapere per evitare errori costosi. Quindi, in che modo i dentisti combinano la tecnologia per creare pezzi personalizzati in periodi di tempo più brevi e ad un costo inferiore?

Secondo uno studio recente , quando si produce una protesi completa utilizzando il flusso di lavoro digitale, il processo inizia con la scansione digitale dell’arco edentulo, comprese le aree impegnative per la scansione del dispositivo scanner intraorale, che sono aree mobili come tessuto non cheratinizzato e superfici lisce coperto di saliva. Quando riescono a fare tutto correttamente, usano il software di modellazione dentale per modificare e adattare la protesi, quindi devono scegliere una resina. A seconda dell’applicazione, vengono utilizzate diverse resine e molte resine speciali sono state create esclusivamente per le stampanti 3D dentali. L’azienda con sede a San Paolo offre 10 diversi tipi di resine sul proprio sito online, tra cui resine per la realizzazione di guide chirurgiche, altre per la produzione di placche, basi per protesi e denti temporanei. Alcuni dei loro clienti includono l’ Università di São Paolo , Orto3D , l’Università di Rio de Janeiro, il Laboratorio Clélio , Unicamp, Mediphacos, Unicad, l’Hospital de Clinicas a Porto Alegre, Aprimora Clinic e Fenelon Radiology.

“L’odontoiatria ha raggiunto un livello ideale. Negli ultimi anni, l’hardware non è cambiato radicalmente, ma stiamo trovando nuovi materiali, software e persino nuovi giocatori. Il fatto che la tecnologia in sé sia ​​ancora la stessa di due anni fa, è una buona cosa, significa che è finalmente diventato un ottimo mezzo per gli utenti finali, sono veloci e facili da usare. Non penso che la stampa 3D in odontoiatria cambierà così tanto in futuro, ma ovviamente diventerà più veloce e le macchine rimarranno probabilmente ai prezzi attuali. Credo che il software svolgerà un ruolo importante nel modo in cui le cose vengono create, che tipo di supporto è necessario e quanto sarà intuitivo. Sicuramente, anche i materiali saranno migliori, idealmente per restauri permanenti e allineatori invisibili “, ha continuato.

3DC Med è stata anche creata per fornire soluzioni e strumenti per la stampa 3D nella comunità medica. Tuttavia, c’è una grande barriera a ciò che possono fare con una stampante. Il paese ha regole che non consentono ancora gli impianti stampati in 3D, il che significa che si toglie molto del divertimento della produzione additiva negli ospedali. Quindi, cosa è rimasto per l’azienda e l’industria è passare ai modelli di presurgery in Brasile. Eppure, come nel resto della regione, nessuno vuole pagare per loro, non i pazienti, o gli ospedali, le compagnie di assicurazione sanitaria o persino lo Stato. Non è ancora chiaro per loro quanto possano essere utili a medici e pazienti. Ma come per l’odontoiatria, Huamani crede che anche l’uso del CAD sia un grosso problema.

“Gli ospedali non hanno nessuno specializzato che possa usare il software e le stampanti 3D ogni giorno, il che significa che richiederebbero un ingegnere biomeccanico.”

La stampa 3D sta rivoluzionando l’assistenza sanitaria, che piaccia o meno a qualcuno. Gli ospedali di tutto il mondo stanno allestendo laboratori di stampa 3D in modo che i professionisti sanitari possano incorporare il processo nel loro normale flusso di lavoro, concentrandosi sulla stampa di modelli specifici del paziente prima dell’intervento chirurgico per esaminare l’anatomia del paziente. Il Brasile ha un mercato abbastanza grande, con oltre 209 milioni di persone, un’economia classificata come la nona al mondo in termini di PIL nominale e un potenziale dimostrato di ulteriore crescita in molti settori industriali, aprendo la strada alla produzione additiva per diventare parte di cure mediche, dentistiche e molte altre industrie che ne beneficerebbero in modo proficuo.

Be the first to comment on "3DC Med sta cercando di cambiare l’odontoiatria in Brasile"

Leave a comment