3D-Fuel IMAGIN3D in polietilene olefinico copolimero (OBC)

3D-FUEL PER FORNIRE IL FILAMENTO DI POLIETILENE DOW IN NORD AMERICA

3D-Fuel , un produttore di filamenti con sede negli Stati Uniti, ha collaborato con la società chimica multinazionale Dow per fornire il prodotto IMAGIN3D in polietilene olefinico copolimero (OBC) al mercato dei filamenti in Nord America.

Il polietilene OBC IMAGIN3D di Dow è progettato per la produzione di parti stampate in 3D leggere e resistenti. Basato su polietilene, mantiene le proprietà intrinseche del materiale, mantenendo la stabilità dimensionale durante il processo di stampa.

Con sede a Fargo, 3D-Fuel mira a fornire una gamma di filamenti di stampa 3D specializzati con particolare attenzione all’ecocompatibilità e alla sostenibilità. La società ha impianti di produzione a Fargo e Moville, in Irlanda, per la spedizione verso l’UE. 3D-Fuel mantiene la sua impronta ecologica utilizzando NatureWorks Ingeo PLA per la maggior parte dei suoi prodotti. Questo materiale è prodotto negli Stati Uniti da plastica a base vegetale di mais; è compostabile e realizzato senza prodotti a base di olio.

La dedizione di 3D-Fuel alla sostenibilità continua nella sua collaborazione con Dow. Entrambe le aziende si sono impegnate nell’economia circolare prendendo in considerazione l’intero ciclo di vita del prodotto, in particolare durante lo sviluppo, come parte degli obiettivi di sostenibilità di Dow per il 2025.

Il filamento di Dow, il polietilene OBC IMAGIN3D, offre numerosi vantaggi materiali. Ciò include allungamento della rottura oltre l’800 percento, bassa densità, elevata durata, resistenza chimica per l’uso in ambienti corrosivi, basso modulo di flessione e alta resistenza a fatica. Come tale, il filamento può potenzialmente abilitare nuove applicazioni in cui la duttilità e la durabilità sono valutate, ad esempio, nella produzione di cerniere viventi, o per applicazioni UAV, automobilistiche, marine e R / C.

Azienda di scienza dei materiali con una storia che risale al 1897, Dow ha accumulato un ampio portafoglio di materiali per prestazioni, intermedi industriali e aziende di materie plastiche. La società mira a fornire una vasta gamma di prodotti e soluzioni scientifiche per i clienti in segmenti in forte crescita, come imballaggi, infrastrutture e assistenza ai consumatori. Dow gestisce 113 siti produttivi in ​​31 paesi e dà lavoro a circa 37.000 persone.

Nel 2017 Dow si è fusa con la compagnia chimica DuPont per formare DowDuPont, che da allora ha iniziato a formare tre divisioni separate con focus su quanto segue: agricoltura, scienza dei materiali e prodotti speciali. La divisione agricoltura si chiama Corteva, lo spin-off della scienza dei materiali si chiama Dow Inc. e la divisione prodotti speciali si chiama DuPont.

Dow ha originariamente annunciato il suo ingresso nel mercato dei materiali di stampa 3D con il lancio del materiale di supporto universale EVOLV3D (USM) nel 2017. Da allora, l’azienda ha ampliato la sua presenza nel settore. Nel 2019 i suoi filamenti sono diventati disponibili tramite MatterHackers , un fornitore di stampanti e filamenti 3D con sede in California. I materiali di stampa 3D dell’azienda sono stati utilizzati anche per produrre calzature in un progetto di collaborazione con il fornitore di software francese Dassault Systèmes e il produttore di scarpe danese ECCO . Inoltre, ha presentato una gamma di materiali ad alte prestazioni per la stampa 3D con DuPont l’anno scorso a RAPID + TCT .

Be the first to comment on "3D-Fuel IMAGIN3D in polietilene olefinico copolimero (OBC)"

Leave a comment