3D Brooklyn e il filamento che si produce a partire dai sacchetti di patatine consumati

3D Brooklyn rilascia un nuovo  filamento di riciclo realizzato a partire dai sacchetti di Patatine
Le Patatine fritte sono un piacere per un sacco di gente.  Non importa quanto spesso si acquistano o le si mangiano, le patatine fritte sono ovunque, insieme con il loro strano,   imballaggio crespo e lucido. E ‘di plastica?  Si è di plastica, ma è uno strano ibrido di polipropilene e polietilene che rende quei sacchetti simil metallici in grado di acceccarvi col  sole se li colpisce un certo modo. Diversamente dalla maggior parte delle materie plastiche, i sacchetti di patatine per le loro proprietà plastiche miste sono inadatti al riciclaggio significa una grande quantità di grasso lucido gettate nelle discariche.
Purtroppo, ci sono un sacco di prodotti usa e getta che non sono idonei al riciclaggio, ed è per questo che esistono aziende come TerraCycle. La società del New Jersey che raccoglie rifiuti non riciclabili o difficile da riciclaree cerca dei modi per riutilizzarli. Sono stati la prima idea  che è venuta in mente a Will Haude, fondatore di 3D Brooklyn, quando cominciò a sentirsi infastidito dalla quantità di rifiuti plastici che la sua azienda generava. Si è chieste perché la sua azienda, che produce articoli personalizzati articoli stampati e accessori elettronici per fioriere, non poteva iniziare a ridurre la produzione di rifiuti di plastica.

TerraCycle ha spiegato il problema dei  sacchetti di patatine che ricevono da un fornitore.  TerraCycle ricevuti  i sacchi e li invia ad un terzo, che li trasforma in palline di plastica – ch sono perfetti per 3D Brooklyn realizzat , per trasformarli in filamento. Hanno acquistato una grande quantità di pellet da TerraCycle, li hanno messi in un estrusore di filamento, e quindi hanno prodotto il primo filamento riciclato di 3D Brooklyn .
Il filamento, che è attualmente nella fase beta , ha un prezzo di  24 dollari a bobina . Ogni bobina è costituito da circa 45 sacchetti di patatine  riciclate, ed è composto da 80% polipropilene riciclato e 20% di polietilene riciclato a bassa densità. Direttive per la stampa Brevi suggeriscono:
Temperatura di stampa: 210 °
Lettino riscaldato: 110 °
Infill: 50%
Secondo 3D Brooklyn, il PP / PE filamento genera stampe con il colore che ricorda vagamente il  vimini e non il metallico dei sacchetti infatti le proprietà metalliche dei sacchetti di patatine  “si perdono durante la lavorazione ” . Perché non provarli? I Filamenti riciclati stanno diventando sempre più popolari,   i consumatori e le aziende cercano modi per ridurre la quantità di plastica generata dalla stampa 3D. Come sottolinea Haude, il loro nuovo filamento è realizzato in materiale che è stato sottratto direttamente da una discarica. Così la prossima volta che si strappa   un sacchetto di patatine, ci si può sentire un po ‘meno in colpa . Almeno per l’ecologia non per la salute.

Be the first to comment on "3D Brooklyn e il filamento che si produce a partire dai sacchetti di patatine consumati"

Leave a comment