24 hours 3DPrintathon della Deis3D alla Brandeis University

“Perché la stampa 3D nelle scuole?” Questa  domanda posta da educatori e dirigenti scolastici che non hanno grande familiarità con la tecnologia ha una risposta nelle incredibili invenzioni che fanno i ragazzi alle prese con una stampante 3d .
24-Hour 3DPrintathon 3Ce lo spiega Noah Fram-Schwartz che ha fondato Deis3D, un centro stampa 3D alla Brandeis University, lo scorso febbraio. Ne è  stato presidente per circa 10 mesi prima di lasciare il posto all’attuale presidente Eduardo Beltrame.

Lo scorso fine settimana, il club ha tenuto  3DPrintathon il primo concorso di stampa 3d scolastico.

“Con 6 squadre provenienti dalle  scuole di tutto il Nord Est America  quasi 25 produttori tra  gli studenti,  è stato il primo concorso per scuole “, spiega Fram-Schwartz . “Il tema della manifestazione era la ‘giustizia sociale'”.

Le scuole coinvolte nel concorso erano la Columbia University, la University of Connecticut, la Brandeis University, e anche una scuola superiore locale -la High Waltham. Alla fine tre  design si sono distinti, e vincitori sono stati premiati con licenze Pro Shapeways, Netfabb, licenze Simplify3D, 500 dollari di credito su  Shapeways , e parecchio  filamento 3d per stampanti.

Il progetto vincitore, è stata una incredibile  protesi della gamba per i ciclisti stampata in 3d. E ‘stato creata da un team di cinque persone della  studenti della University of Connecticut, la protesi si attacca al pedale della bicicletta aumentando controllo e forza nella pedalata.

Un’altra creazione premiata è stato un sistema braille per tastiera telefonica ,che  consente   ai non vedenti di comunicare più facilmente con i loro telefoni. La tastiera funziona con Arduino, e si collega al telefono tramite Bluetooth, ed è stato costruita con meno di 50 dollari. Un altro team ha creato una generatore di elettricità idroelettrico .

“Si tratta di un risultato notevole per creare un dispositivo interamente stampabile in 3D  utilizzando macchine desktop economiche ed accessibili e allo stesso tempo avere un impatto potenziale notevole  su una larga percentuale di popolazione mondiale,” Fram-Schwartz ci ha spiegato. “Con il tema della giustizia sociale in mente, il nostro obiettivo era quello di creare delle piccole innovazioni  che migliorino il quotidiano  di coloro che non vivono vite da privilegiati. In definitiva, siamo riusciti a convogliare un insieme di menti appassionate pronte  ad affrontare le sfide del futuro attraverso la creatività e l’innovazione. ”

3DPrintathons il contest continuerà nel futuro . Da quando è stato fondato poco più di un anno fa, il club ha una missione :  diffondere la stampa 3D e ispirare l’innovazione. Finora sembra che stiano facendo un ottimo lavoro Attualmente è uno dei club più popolari della Brandeis University.

Be the first to comment on "24 hours 3DPrintathon della Deis3D alla Brandeis University"

Leave a comment