10 partecipanti per un programma SBIR in Olanda per la costruzione di viadotti ad economia circolare

RIJKSWATERSTAAT CERCA NUOVI CONCETTI DI VIADOTTO CIRCOLARE STAMPATI IN 3D

Il ministero olandese delle Infrastrutture, Rijkswaterstaat , ha selezionato 10 partecipanti per un programma SBIR (Small Business Innovation Research) per presentare nuovi concetti per un viadotto circolare di concetto totale.

Parte del progetto HONEYCOMB, il bando SBIR mira a portare sul mercato viadotti circolari più rapidamente attraverso tecnologie come la stampa 3D automatizzata.

Le 10 iscrizioni che proseguiranno nella fase di fattibilità sono: Arcadis Nederland BV , Consortium Vici vof, Heijmans Infra BV , Max Bogl Nederland BV , Mobilis BV , NV BESIX SA , Nebest BV , Royal Haskoning DHV , Studio RAP e Witteveen + Bos Raadgevende Ingenieurs BV .

“Sono molto entusiasta della quantità e della diversità delle registrazioni. Questo la dice lunga sulle attuali dinamiche del mercato. Tutte le parti coinvolte vogliono fare la differenza “, ha affermato Robert de Roos, Top Advisor Technology, Rijkswaterstaat.

Secondo Rijkswaterstaat, attualmente l’offerta di viadotti circolari è insufficiente. Ciò è dovuto alla necessità di un ulteriore sviluppo tecnico di concetti esistenti o questi concetti non sono stati ancora adeguatamente testati e convalidati.

Rijkswaterstaat è quindi alla ricerca di innovazioni alternative in questo settore, in particolare quelle che forniranno un minore impatto ambientale per tutta la durata del viadotto. Le candidature devono aderire ad almeno una delle indicazioni dell’autorità; il concetto deve essere modulare e staccabile, comportare il massimo riutilizzo possibile di parti o materiali esistenti o essere basato su materiali rinnovabili.

Le innovazioni proposte devono essere o un concetto totale o, se si tratta di una soluzione parziale, devono essere indicative di come si inseriscono in un concetto di viadotto totale.

“C’era una grande diversità di direzioni di soluzione tra le proposte”, ha detto il professor Mark Huijbregts, professore di analisi ambientale integrata presso la Radboud University di Nijmegen e parte del comitato di valutazione SBIR. “C’erano proposte che si concentrano principalmente sull’uso di legno, cemento composito o circolare. Mentre altre proposte si concentrano sulla riduzione dell’uso di materiale armeggiando con il design del viadotto stesso “.

Rijkswaterstaat mira a rendere i Paesi Bassi completamente neutri dal punto di vista climatico e circolari entro il 2030, e parte di questo sarà la costruzione, la ristrutturazione e la sostituzione di viadotti e ponti in tutto il paese.

Il bando SBIR è ora chiuso e sono state selezionate 10 candidature per lo studio di fattibilità della fase uno. Le migliori idee dello studio riceveranno un incarico di follow-up per produrre un prototipo durante la fase due dell’SBIR, che dovrebbe essere completato entro la metà del 2022.

Lo SBIR dispone di un budget totale disponibile di 5,4 milioni di euro. Un budget di € 900.000 è disponibile per la prima fase del programma, con un massimo di € 90.000 a disposizione per ogni partecipante. Un budget di 4,5 milioni di euro sarà designato per la fase due con ogni progetto ammissibile a ricevere fino a 1,5 milioni di euro di finanziamenti.

Il 7 ottobre, i 10 partecipanti allo studio di fattibilità saranno presentati con i piani per il resto dell’SBIR in un incontro di avvio a Utrecht.

Produzione additiva nelle infrastrutture

Le applicazioni architettoniche per la stampa 3D si sono ampliate in modo significativo negli ultimi anni, con diversi progetti di ponti e viadotti completati in tutto il mondo. Tipicamente, un viadotto è una lunga struttura a ponte costituita da una serie di brevi campate, che trasporta una strada o una ferrovia attraverso una valle o un altro terreno basso, mentre un ponte è costruito sull’acqua.

L’anno scorso, VolkerFitzpatrick , RMD Kwikform e Sword Construction UK , hanno costruito un nuovo viadotto di 1,7 km con moli a forma di “ V ” a Cambridge, utilizzando prototipi stampati in 3D e uno strumento di visualizzazione 3D. La circonvallazione del viadotto è stata costruita per alleviare la congestione dentro e intorno alla piccola città di Ely.

Altrove, Shanghai Mechanized Construction Group Co (SMCC), una società di costruzioni cinese, e Polymaker , un produttore di filamenti di stampa 3D, hanno collaborato alla stampa 3D di un ponte pedonale nella Taopu Smart City di Shanghai , nel distretto di Putuo. Il ponte, che è stato stampato utilizzando acrilonitrile stirene acrilato (ASA), una plastica robusta, misura 15,25 metri di lunghezza e 3,8 metri di larghezza.

Più recentemente, la società di scienze nutrizionali globale DSM ha collaborato con la società di consulenza ingegneristica olandese Royal HaskoningDHV e la città di Rotterdam , per stampare in 3D una passerella da materiali di origine riciclabili. Il ponte, che verrà inaugurato entro la fine del 2020, sarà il primo a utilizzare per questo scopo termoplastiche rinforzate con fibre (FRP).

Be the first to comment on "10 partecipanti per un programma SBIR in Olanda per la costruzione di viadotti ad economia circolare"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi